Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

L’artista napoletana che ha attraversato in moto 13 paesi per raccontare le storie di altre donne

Immagine di copertina
Rosaria Iazzetta

Rosaria Iazzetta a TPI: "Volevo un progetto che mettesse in relazione tante donne, intervistandole e capendo quali situazioni affrontino quotidianamente in paesi diversi, cosa le accomuni"

Ha percorso in solitaria 14607 chilometri, a bordo della propria Yamaha MT-07, da Napoli al nord del Giappone tra giugno ed ottobre 2018, superando i confini di tredici paesi, a cavallo tra l’Europa e l’Asia.

È stato questo il viaggio di Rosaria Iazzetta, una donna che ha voluto incontrare altre donne per raccontare le donne, che vivono, affrontano problemi e sognano.

Presso la Saaci Gallery di Saviano (Napoli) il viaggio è diventato una mostra a cura di Sabato Angiero, con i volti delle 58 protagoniste incontrate ed i flashback dai luoghi attraversati lungo il tragitto.

Rosaria Iazzetta raccontato a TPI il suo viaggio.

Artista, professoressa di scultura all’accademia di Napoli e motociclista. Chi è veramente Rosaria Iazzetta?

Credo di essere tutte e tre. Nella vita le scelte sono collegate. Queste sono scelte nelle quali è indispensabile il senso di responsabilità: di essere professore, di mettersi alla guida di una moto, di essere un’artista. Da un certo punto di vista, tutte queste attività hanno in comune una forte disciplina e allo stesso tempo un senso di grande libertà.

Se dico 14607 chilometri, qual è il suo primo pensiero?

Qualcosa di impossibile, distante. O almeno, questo ho pensato all’inizio. Rifletto su quante persone percorrono questi chilometri in un anno andando al lavoro, ripetendo poi il tragitto per un’intera esistenza, senza realizzare come quegli stessi chilometri messi su un unico rettilineo attraversino 13 paesi.

rosaria iazzetta
L’artista in Mongolia

Perché un viaggio in moto?

Volevo un progetto che mettesse in relazione tante donne, intervistandole e capendo quali situazioni affrontino quotidianamente in paesi diversi, cosa le accomuni. Non mi andava di utilizzare un aereo.

Volevo usare la mia forza fisica, che solitamente impiego per realizzare sculture, per raggiungere queste persone.

Nel nome del progetto “Yellow Horse Evolution” è già presente un riferimento alla moto?

In realtà, la mia moto è gialla. Pare che i ladri preferiscano moto dai colori scuri. Horse invece fa riferimento ai cavalli a gambe corte che in un passato remoto correvano nel territorio della odierna prefettura di Iwate, a nord del Giappone. Infine Evolution, perché in questo viaggio ho voluto documentare come le donne in paesi così diversi lottino per i propri sogni.

Come ha pianificato il viaggio?

Già da due anni lavoravo alla programmazione, pianificando gli itinerari e capendo quali potessero essere le persone da intervistare. Non conoscendo tutte queste persone, mi sono adoperata per i contatti e le eventuali disponibilità dei possibili intervistati. Poi sono andata alla ricerca di finanziamenti e sponsor.

rosaria iazzetta
Un venditore di miele

Da Napoli alla città giapponese di Morioka ha intervistato soltanto donne. Da ovest ad est, quali incontri vuole ricordare?

Nel tratto dei territori dell’ex Jugoslavia abbiamo delle grandissime combattenti. Parliamo di donne che hanno vissuto il periodo della guerra e rivendicano diritti negati. In Serbia, penso a Stanislaca Stasa Zajovic dell’associazione Donne in Nero. Ci sono le donne kazache impegnate nella lotta per l’emancipazione.

Penso all’intervista alla produttrice televisiva Zhazira Diseembekova. Oppure, l’artista cinese Ren Bo, che lavora per l’affermazione del potere politico della creatività. Non avevo idea poi di quanto la violenza domestica fosse un problema a Seoul.

Ho intervistato Ko Milkyoung, presidente della Korean Women’s Hot Line, scoprendo quanto per alcune donne lì fosse normale vivere in uno stato di abuso e sopruso.

E da viaggiatrice solitaria a bordo della propria moto a quali difficoltà è andata incontro?

Ho trovato grande solidarietà da parte di tutti. Si incontrano ovviamente persone con idee divergenti dalle proprie. Basta essere intelligenti e non entrare in conflitto.

Sta già pianificando nuove avventure?

Diciamo che dal ritorno la mia vita è cambiata. Ho una visione completamente diversa del mondo. Ho sicuramente voglia di partire, ma sempre portando avanti un progetto.

Ti potrebbe interessare
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Ti potrebbe interessare
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore
Cultura / È morto Antonio Pennacchi: lo scrittore aveva 71 anni