Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

L’uomo che profetizzò la pandemia

Immagine di copertina

Tre anni prima che il virus sconvolgesse le nostre vite il premio Pulitzer Lawrence Wright iniziò a scrivere un libro, dal titolo “Pandemia”, in cui già parlava di Coronavirus, quarantena, misure restrittive, distanziamento sociale, mascherine, vaccini. Sul settimo numero del nostro settimanale Wright racconta "Anno Uno", il mondo che verrà dopo il Covid

Sul settimo numero del nostro settimanale Wright racconta “Anno Uno”, il mondo che verrà dopo il Covid (qui la sua intervista esclusiva).

Quando il premio Pulitzer Lawrence Wright ha iniziato a scrivere “Pandemia” (edito in Italia da Piemme) il Covid non esisteva ancora. Era il 2017. Eppure nel romanzo, consegnato all’editore nell’estate del 2019, si leggevano già parole come Coronavirus, quarantena, misure restrittive, distanziamento sociale, mascherine, vaccini. Termini che poco dopo sarebbero diventati parte del nostro linguaggio quotidiano.

In “Pandemia” Wright racconta la storia del dottor Henry Parsons, epidemiologo di fama mondiale che in Indonesia scopre un virus misterioso, capace di diffondersi rapidamente in tutto il mondo. Il romanzo è arrivato sugli scaffali delle librerie italiane il 5 maggio 2020. In quel momento “gran parte del suo contenuto si era fuso con le notizie quotidiane” ha scritto nella sua recensione Marion Winik del Washington Post.

Wright è stato “profetico”, anche se lo scrittore ha spesso respinto questa definizione spiegando che si è trattato di coincidenze. E di ricerca. Prima di scrivere il libro, infatti, il giornalista aveva intervistato alcuni dei più importanti virologi ed epidemiologi al mondo. Il parallelismo con quello che è accaduto negli ultimi due anni è in ogni caso straordinario.
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / La pandemia ha ucciso il cinema: viaggio nelle sale che hanno chiuso i battenti e mai più riaperto
Cultura / Un libro di corsa: le 10 mappe che spiegano il mondo
Cultura / Conciliare cyber-security e smart working è una sfida