Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

L’isola delle bambole mutilate in Messico

Immagine di copertina

Bambole consumate dal tempo, sporche e mutilate, sono state ammassate su un'isola da un contadino

Le bambole, giocattoli amati da milioni di bambine in tutto il mondo, possono assumere un aspetto inquietante se si presentano abbandonate o danneggiate.

Per questa ragione è degno di un film dell’orrore il panorama che appare a chi va in visita all’Isla de las Munecas, nel lago di Xochimilco, a pochi chilometri da Città del Messico.

Si tratta di un’isola artificiale – una chinampa – costruita ai tempi degli aztechi per ottenere terreno da destinare all’agricoltura, oggi caduta in rovina e circondata da semplici canali anziché dal vecchio lago.

Ma ciò per cui quest’isola è diversa dalle altre è la presenza di centinaia di bambole abbandonate, spesso mutilate e sporche, che giacciono lì da decenni e che hanno fatto sì che questo luogo prendesse il nome di Isla de las Munecas, ovvero isola delle bambole.

Ma come mai questi giocattoli si trovano qui?

Per rispondere a questa domanda, bisogna conoscere la storia di Don Julian Santana Barrera, un contadino proveniente dalla vicina città di La Asuncion che negli anni Cinquanta decise di trasferirsi su quest’isola.

Un giorno, però, trovò il cadavere di una bambina annegata, e decise di collocare una bambola in quel luogo perché l’anima della piccola potesse trovare pace.

Tuttavia, Santana Barrera non riusciva a non pensare a quella bambina, di cui diceva di sentire i passi e le grida. Per questo, iniziò in maniera ossessiva a cercare bambole, che collocò in maniera altrettanto ossessiva nell’isola, al punto che oggi se ne contano un centinaio.

Il destino volle che come la bambina, anche Santana Barrera morisse annegato nei canali che circondano l’isola. Tuttavia le bambole sono rimaste là, nel totale abbandono della zona, impolverandosi e rompendosi per via del tempo, dell’incuria e delle intemperie, e creando un panorama degno di un film dell’orrore.

Un luogo che inevitabilmente ha attratto l’attenzione di curiosi, di fotografi in cerca di un immagini insolite e di amanti del paranormale, che sostengono si possano ancora udire i passi e le grida della bambina.

Ti potrebbe interessare
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Cultura / Arte circolare: a Palazzo Taverna dieci artisti italiani per la sostenibilità
Cultura / RAW RESTART: Al via la Conferenza di presentazione della settima Edizione di Rome Art Week
Ti potrebbe interessare
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Cultura / Arte circolare: a Palazzo Taverna dieci artisti italiani per la sostenibilità
Cultura / RAW RESTART: Al via la Conferenza di presentazione della settima Edizione di Rome Art Week
Cultura / Le Winx compiono 18 anni, il creatore a TPI: “Così ho ideato la storia delle fatine moderne”
Cultura / Andy Warhol, record mondiale per il ritratto di Marilyn Monroe: battuto a 195 milioni di dollari
Cultura / Arte e Guerra: un’occasione per scoprire attraverso l’arte quanto la guerra abbia influenzato il percorso dell’uomo
Cronaca / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale TPI – The Post Internazionale
Cultura / Un libro di corsa: Caterina Howard
Cultura / Belpietro a TPI: “Nella stampa dei dinosauri sopravviveranno solo i giornali dei lettori”
Cultura / Biennale di Venezia 2022, oggi l’apertura della 59esima esposizione d’arte. Le foto di TPI