Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Dacia Maraini vince il premio Matilde Serao, giunto alla terza edizione

Immagine di copertina

La scrittrice è stata premiata a Napoli durante l'evento organizzato dal quotidiano Il Mattino

Dacia Maraini vince il premio Matilde Serao

Dacia Maraini ha vinto la terza edizione del premio letterario Matilde Serao. La premiazione è avvenuta nel corso dell’evento organizzato da Il Mattino, nel Palazzo di Poste Italiane a Napoli, mercoledì 6 novembre 2019.

Un evento che ha visto avvicendarsi sul palco della Sala Matilde Serao, scrittori, attori, registri, cantanti e artisti, intervistati dai giornalisti del quotidiano di cui proprio la Serao fu cofondatrice.

Federico Monga, direttore de Il Mattino, ha dichiarato nel corso dell’evento: “Resta l’amaro in bocca pensando che molti dei problemi denunciati da Matilde Serao resistono ancora oggi.  Penso alle difficoltà urbanistiche e sociali, all’infanzia negata, alla dispersione scolastica. Sono problemi ancora sotto gli occhi di tutti”.

Dacia Maraini e il premio Matilde Serao: due autrici attente alla realtà

Il riconoscimento assegnato a Dacia Maraini, scrittrice, poetessa e drammaturga è “nel segno della coscienza civile e della denuncia”.

“È riuscita a coniugare letteratura, cronaca, denuncia e partecipazione”, ha aggiunto Monga. Ciò che – ha riconosciuto la stessa Maraini – la accomuna con la Serao, è “l’essere molto attente alla realtà”.

“Lei più giornalista, io narratrice ma ci accomuna l’interesse per la realtà e il cercare di creare consapevolezza”. “Se hai una voce pubblica – ha concluso – hai la responsabilità di dire, osservare, partecipare, non puoi fare finta di niente e voltarti dall’altra parte”.

Il programma dell’edizione 2019, condotta dall’attrice Miriam Candurra, ha avuto inizio con un video a cura di Giffoni Experience e ha visto gli interventi di Antonio Corribolo, Ruggero Cappuccio, Marco D’Amore, Enzo Avitabile, Iaia Forte e Pino Montesano, di volta in volta intervistati dai giornalisti Titta Fiore, Federico Vacalebre, Donatella Trotta e Generoso Picone. oltre che l’esibizione delle Ebbanesis, duo effervescente e verace capace di ricondurre tutto, Queen e “Zecchino d’oro” compreso, alla canzone napoletana.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”