Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Chi era Vincenzo Muccioli, il fondatore della comunità di San Patrignano

Immagine di copertina

Chi era Vincenzo Muccioli, il fondatore della comunità di San Patrignano

Vincenzo Muccioli è stato un imprenditore italiano, fondatore della Comunità di San Patrignano, dedicata al recupero e alla riabilitazione dei tossicodipendenti. Primo di due figli (il secondo, Pier Andrea, è un geologo) nasce a Rimini il 6 gennaio del 1934. Interruppe gli studi di scuola superiore e cominciò a lavorare con il padre che gestiva un’agenzia d’assicurazioni, coltivando sin da ragazzino la passione per gli animali e per l’agricoltura. Nel 1962 sposò Maria Antonietta Cappelli (1934-2020), figlia di agiati albergatori per i quali lo stesso Muccioli ha lavorato prima di dedicarsi a San Patrignano. Dal matrimonio con Antonietta, Vincenzo ha avuto due figli: Andrea Maria e Giacomo Maria.

San Patrignano

Qualche anno dopo il matrimonio, Muccioli, mentre moglie e figli continuano a risiedere a Rimini, si trasferisce in un piccolo podere nel comune di Coriano donatogli dalla famiglia della moglie per potersi dedicare più a fondo all’allevamento di pregiate razze canine e all’agricoltura. La via di accesso a questo podere si chiama San Patrignano, da cui prenderà il nome la comunità terapeutica. Nella prima metà degli anni settanta, nello stesso luogo, Muccioli si era interessato insieme ad alcuni amici alla parapsicologia e allo spiritismo, creando il gruppo del “Cenacolo” (nel quale lo stesso Muccioli ricopriva il ruolo di medium), dedito alle sedute spiritiche e alla medicina naturale. Il gruppo, tramite queste pratiche, si avvicina alle problematiche del disagio e dell’emarginazione e alcuni suoi membri collaboreranno con Muccioli alla creazione di San Patrignano.

Nel novembre del 1978 nella casa di campagna di Muccioli entra quella che sarà la prima ospite della comunità, una giovane tossicodipendente trentina, figlia di amici di famiglia. Nel giro di poco tempo vengono accolti molti ragazzi che chiedono aiuto. Quando il numero degli ospiti è arrivato a trenta, viene costituita la cooperativa di San Patrignano che dichiara come suo obiettivo principale il fornire assistenza gratuita ai tossicodipendenti ed agli emarginati. Nel 1985 Vincenzo Muccioli e i familiari dichiarano di rinunciare ad alcune loro proprietà, donandole alla Fondazione San Patrignano costituita quell’anno con il determinante aiuto di Gianmarco e Letizia Moratti che, nel corso del tempo, arrivarono a investire centinaia di milioni di euro nella comunità.

Da quel giorno, la comunità appartiene ai soci della Fondazione al fine dichiarato di aiutare coloro che vi operano e vivono o che ad essa si rivolgono in cerca di sostegno e di aiuto. Il fondatore della comunità dichiarava di ispirarsi a princìpi e valori che facevano parte della sua formazione culturale ed umana, come il rispetto per la vita e la dignità dell’uomo mentre i suoi detrattori sottolineavano che era accertato l’uso di metodi violenti, da alcuni definiti “terrificanti” come schiaffi e umiliazioni pubbliche, botte, catene e spedizioni punitive, contrari alla dignità umana.

Procedimenti giudiziari

Nel corso della sua vita, Vincenzo Muccioli ha dovuto affrontare due processi. Il primo (il processo delle catene) ebbe inizio col rinvio a giudizio il 10 dicembre 1983. Il 16 febbraio 1985 Muccioli fu condannato per sequestro di persona e maltrattamenti per avere incatenato alcuni giovani della comunità. Nel novembre 1987 la Corte d’Appello assolse l’imputato per gli stessi reati e la sentenza di assoluzione fu confermata dalla Cassazione il 29 marzo 1990.

Il secondo, tenutosi nel 1994, ha portato a una condanna a otto mesi di carcere per favoreggiamento (con la sospensione condizionale della pena) e a un’assoluzione dall’accusa di omicidio colposo per l’assassinio, avvenuto in comunità, di Roberto Maranzano. Tuttavia, pochi giorni prima della sua morte (avvenuta il 19 settembre 1995), la Corte di Cassazione, sez. sesta, con sentenza n. 3063 del 13/07/1995 (dep. 15/09/1995) su ricorso della Procura generale di Bologna sancì che fu un errore processare Muccioli per omicidio colposo e che, se fosse stato in vita, avrebbe dovuto essere giudicato di nuovo per la morte di Roberto Maranzano con la più grave accusa di maltrattamenti seguiti da morte. Le vicende di San Patrignano e i relativi processi vengono raccontate nel 2020 nel libro “Tutto in un abbraccio” di Giorgio Gandola e nella docu-serie di Netflix (uscita nel 2021) “SanPa – Luci e tenebre di San Patrignano“.

Vincenzo Muccioli: la morte e le cause

Vincenzo Muccioli morì il 19 settembre 1995 all’età di 61 anni. La causa della morte non è stata mai rivelata, anche se il Corriere della Sera scrisse che l’aggravamento fu dovuto a un’epatite C e che non erano dissipati i dubbi che avesse contratto l’AIDS per contagio da malati accolti nella comunità. Dopo la morte di Vincenzo, Andrea, il figlio maggiore, ha preso suo posto vivendo e lavorando a San Patrignano alla guida della comunità fino al 26 agosto 2011.

Leggi anche: 1. “Così è nata la mia SanPa”: parla Gianluca Neri, ideatore della docu-serie su San Patrignano / 2. Asta fra otto case editrici per l’autobiografia di Fabio Cantelli, l’intellettuale di Sanpa

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”
Cronaca / DIG Festival 2021: il giornalismo investigativo a Modena dal 30 settembre al 3 ottobre
Cronaca / Milano, 30enne scomparso da 5 giorni: sparito dopo il furto del suo zaino
Cronaca / 3.970 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Saman Abbas, arrestato a Parigi lo zio Danish Hasnain: “È la mente di questo progetto criminoso pazzesco”
Cronaca / Vaccino, Sileri: “Prima o poi la terza dose dovremo farla tutti”
Cronaca / Papa Francesco: “La violenza sulle donne è una piaga aperta, dappertutto”
Cronaca / Regeni, il procuratore Pignatone: “Giulio torturato per una settimana. Collaborazione con Egitto altalenante”