Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Uccide la moglie poi si spara, sua sorella parla della vittima: “Non era una santa”

Di Selvaggia Lucarelli
Pubblicato il 8 Ott. 2020 alle 17:22 Aggiornato il 8 Ott. 2020 alle 17:23
300
Immagine di copertina
Tony La Targia

Il 26 settembre Maria Masi, infermiera di 41 anni, è stata uccisa dal marito da cui si stava separando. Stavano insieme da 17 anni, due anni fa Antonino aveva avuto un incidente in moto ed era finito su una sedia a rotelle. Lui non aveva mai accettato la nuova situazione, il loro matrimonio non era riuscito a superare la rabbia di Antonino e la conflittualità dovuta al nuovo, complesso equilibrio.

Maria a fine agosto si era allontanata da casa con i figli, Antonino La Targia il 26 settembre le ha chiesto un appuntamento, si sono incontrati al parcheggio sotto casa a Venaria, vicino Torino. Antonino ha estratto una pistola e l’ha uccisa con sei colpi. Ne ha conservato però uno per sé e si è tolto la vita. Maria e Antonino erano genitori di due figli di 11 e 14 anni.

“Questa mattina ci siamo strette nel ricordo di Tony La Targia, uno di noi!”, ha scritto su Facebook in quanto “rappresentante del Comitato Pietra Alta e di tutto il quartiere”. Un post che ha indignato e stupito, e che una delle sorelle di Antonino, Mery, commenta così: “Chissà quanto ci ha odiato oggi con tutti i preti che gli abbiamo fatto vedere, però poi gli abbiamo fatto un festone!”.

Un festone? Uno di noi? Come un assassino che aveva già minacciato la moglie di dare fuoco alla casa con lei e i figli dentro possa essere “uno di noi” o avere una festa con tanto di palloncini colorati al funerale, non è ben chiaro. Manca solo la richiesta di una medaglia per meriti civili. Chiedo spiegazioni a una delle sorelle di Antonino, Loredana, che mi contatta per spiegare la posizione della famiglia. “Noi non concepiamo il gesto che ha fatto mio fratello, ma non ci sta bene che i commentatori social definiscano mia madre “madre dell’assassino” o che io sia colpevolizzata per quello che ha fatto mio fratello”.

Nessuno colpevolizza la famiglia, però la festa al funerale…
Senta. Mio fratello e sua moglie erano una coppia invidiata da tutti, stavano insieme da 17 anni. Noi per 17 anni abbiamo mangiato merda perché mia cognata non era la santa che voi giornalisti avete dipinto. Aveva un brutto carattere ma lo avevamo accettato per amore della famiglia.

A parte che nessuno l’ha santificata, ma questo cosa c’entra con l’omicidio?
Era talmente una brava infermiera che mio fratello aveva una piaga da decubito perché non lo curava più. Ripeto che è inammissibile quello che ha fatto lui, ma il 15 agosto aveva tentato il suicidio, se mio fratello avesse voluto ammazzarla lo avrebbe già fatto quel giorno.

Scusi eh, ma poi l’ha ammazzata.
Ripeto, non lo giustifico, anzi, mia madre è quasi più dispiaciuta per sua nuora.

I due figli come stanno? Sono rimasti orfani da un giorno all’altro.
Ho scritto a D., il quattordicenne, non è venuto al funerale del padre. Gli ho mandato due rose. Ci siamo scritti che ci vedremo tra un po’, lui mi ha detto che deve passare un po’ di tempo e che mi vuole bene. Io che ci vedremo per coccolarci e piangere insieme. Ha rabbia per il padre, è comprensibile, dice che lo andrà a trovare al cimitero da solo per parlargli.

Mi dice cosa c’entra l’eventuale brutto carattere di una donna con quello che è successo?
Visto che tutti l’hanno dipinto come il disabile che ha ucciso la moglie, intanto via messaggio quando lui le scriveva “io mi ammazzo” lei rispondeva che non aveva le palle per farlo. Poi mio fratello aveva una grave disabilità, lo aiutava anche una badante, la moglie lo rimproverava “Ti piace stare sul divano”. Lui era pieno di vita prima dell’incidente, aveva un solarium, aveva tanti amici.

Un santo.
Non era affatto un santo, era diventato anche cattivo verso di noi dopo l’incidente, ma anche lei ci trattava male.

Sicuramente l’incidente aveva inasprito tutto, ma questo che c’entra con un omicidio?
Lei quando lui era in ospedale appena avuto l’incidente disse “Tanto adesso nel culo ce l’ho io, non voi!”. Aveva capito a cosa andava incontro con mio fratello disabile, essendo un’infermiera.

Scusi, a parte che non so se è vero, anche fosse stata la peggiore moglie del mondo, perché racconta tutto questo? Non è mica un’attenuante, non è che dipingendo questa donna così, assolve suo fratello.
No, non dico questo. Secondo me lui è andato fuori di testa per i figli, perché li ha visti allontanarsi. Poi c’è lei che si voleva fare quel tatuaggio…

Cioè?
Voleva tatuarsi “Io voglio vivere. Questa vita non mi appartiene”. Ha sempre detto anche su TikTok questa cosa.

Ma che c’entra? Non sarà stato facile trovarsi in questa situazione.
Mio fratello era morto due anni fa. Ci ha fatto fare una vita di inferno, non accettava questa situazione. Era meglio se Gesù se lo prendeva con l’incidente, è stato depresso.

E quindi sua moglie era provata, non è facile stare accanto a un uomo così, depresso, arrabbiato.
Nel matrimonio si dice “nel bene e nel male”, se tu moglie non riesci a tirarlo fuori dal baratro… dobbiamo farlo noi?

Mica ci si riesce sempre a tirare fuori dal baratro, dalla depressione. Comunque, cosa ne pensa del comitato di quartiere che scrive “Tonino uno di noi?”.
Uno come noi non vuol dire un assassino come noi.

Beh, è un assassino. Avete fatto volare i palloncini. Sua sorella ha parlato di festone.
Nonostante il suo gesto atroce era nostro fratello.

Forse basta solo un po’ di basso profilo.
Anche lui è andato via dannato, per il gesto che ha fatto.

Non è la vittima della situazione.
Per carità, non lo giustifico, lo scriva, non gli ho mai dato ragione.

Ci mancherebbe pure che dicesse ha fatto bene a sparare alla moglie.
Ma lei non era la Maria Goretti della situazione.

Ancora? Lei continua con i “ma”.
Dico che è andato fuori di testa, che gli amici gli dicevano che lei aveva un altro, che lui andava in macchina da lei e doveva aspettarla sotto due ore…”.

Mi sembra che possa succedere in tante coppie.
Non dimentichi che era un disabile.

Non era l’unico disabile.
Una moglie con un marito disabile non lo fa aspettare due ore. Hanno gestito male la cosa, mio fratello era innamorato della moglie, tanto.

L’ha ammazzata, alla faccia dell’amore.
Senta, non aveva diritto di ucciderla, non so nemmeno chi abbia dato la pistola a mio fratello, hanno anche detto che l’ha rubata a un prete, ma come si permettono di insinuarlo, erano sparite da 4 anni quelle pistole dalla canonica.

Mi sembra il problema minore questo, no? Ha scritto ai genitori di Maria?
Non ho il coraggio. Per noi è un doppio lutto, fa male. Ma noi siamo vittime come gli altri, nessuno ci additi come colpevoli.

Leggi anche: 1. Sul caso Vannini non difendo i Ciontoli ma la verità (di Selvaggia Lucarelli); // 2. Roberta Mamusa condannata: diffamò la ex nuora Valentina Pitzalis (di Selvaggia Lucarelli)

300
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.