Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Spese fondi Vaticano, il cardinale Becciu a processo per l’acquisto di un immobile a Londra

Immagine di copertina
Il cardinale Angelo Becciu. Credit: ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Spese fondi Vaticano, il cardinale Becciu a processo per l’acquisto di un immobile a Londra

Il cardinale Angelo Becciu è stato rinviato a giudizio nell’ambito della vicenda legata agli investimenti finanziari della Segreteria di Stato vaticana a Londra insieme ad altre nove persone.

Al processo, che si aprirà il 27 luglio, Becciu dovrà rispondere dei reati di peculato ed abuso d’ufficio anche in concorso e di subornazione. Nove mesi fa, Becciu era stato costretto alle dimissioni da prefetto delle Cause dei Santi e a rinunciare ai diritti del cardinalato per lo scandalo della gestione dei fondi da parte della Segreteria di Stato vaticana.

Tra gli altri imputati figurano il presidente e il direttore del l’Autorità di Vigilanza Finanziaria vaticana, René Brülhart e Tommaso Di Ruzza, e due intermediari coinvolti nell’acquisto di un immobile di lusso con i fondi della Segreteria di Stato vaticana a Londra, Gianluigi Torzi e Raffaele Mincione, oltre a Enrico Crasso, che da anni gestisce i fondi della Segreteria di Stato. Anche Cecilia Marogna, collaboratrice di Becciu, andrà a processo con l’accusa di peculato. Andranno a processo anche quattro società, tre riferibili a Crasso e una alla Marogna.

Tra i capi di accusa contestati ai dieci imputati figurano la truffa, il peculato, l’abuso d’ufficio, l’appropriazione indebita, il riciclaggio e l’autoriciclaggio, la corruzione, l’estorsione, la pubblicazione di documenti coperti dal segreto, il falso materiale di atto pubblico e il falso in scrittura privata.

Il comunicato della Sala stampa della Santa Sede afferma che le indagini sui fondi della Segreteria di Stato “hanno consentito di portare alla luce una vasta rete di relazioni con operatori dei mercati finanziari che hanno generato consistenti perdite per le finanze vaticane, avendo attinto anche alle risorse, destinate alle opere di carità personale del Santo Padre”.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Udine, 18enne morto durante l’alternanza scuola-lavoro: la procura apre un fascicolo per omicidio colposo
Cronaca / Covid, oggi 171.263 casi e 333 morti: il tasso di positività sale al 16,4%
Cronaca / Strage sul lavoro: dopo la morte dello studente di 18 anni a Udine, altre due vittime a Pomezia e nel torinese
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Udine, 18enne morto durante l’alternanza scuola-lavoro: la procura apre un fascicolo per omicidio colposo
Cronaca / Covid, oggi 171.263 casi e 333 morti: il tasso di positività sale al 16,4%
Cronaca / Strage sul lavoro: dopo la morte dello studente di 18 anni a Udine, altre due vittime a Pomezia e nel torinese
Cronaca / Lo scrittore Alessandro Baricco in ospedale: "Ho una leucemia"
Cronaca / Dichiarata morta dalla Asl, i parenti scoprono che è viva mentre le organizzano il funerale
Cronaca / Covid, preside vieta la merenda a scuola per i troppi contagi
Cronaca / Quirinale, l'annuncio di Rocco Siffredi: "Mi candido a presidente della Repubblica"
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Cronaca / Con l’ultimo dpcm, senza Green pass non si potrà nemmeno ritirare la pensione alla posta
Cronaca / Leonardo ci riprova: far passare le armi come icona dello sviluppo sostenibile