Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Vaiolo delle scimmie, la Spagna indaga sul Gay Pride delle Canarie: “Possibile focolaio d’Europa”

Immagine di copertina

Le autorità spagnole stanno indagando un cluster di contagi da vaiolo delle scimmie per appurare se alcune feste nell’isola turistica di Gran Canaria siano state all’origine di diversi contagi, scrive El Paìs citando fonti locali. Al centro delle indagini il Gay Pride Malaspalomas, che ha avuto luogo dal 5 al 15 maggio sull’isola, a cui hanno partecipato circa 80mila persone, tra cui molte rientrate nei Paesi in cui sono emersi i primi casi.

Dalle Canarie rientrava il caso zero italiano e e tra i casi di virus rilevati in Spagna ci sono persone che hanno partecipato festival, che si sarebbero infettate tramite contatti sessuali, scrivono i quotidiani iberici. Inoltre Spagna e Portogallo sono i luoghi in cui sono stati registrati più contagi (rispettivamente 30 e 23), seguiti dal Regno Unito dove si sono registrati sempre una ventina di contagi. E dal Regno Unito e dall’Europa rientravano i due contagiati individuati in Australia, il paese più lontano toccato ora da un virus endemico solo in Africa. Venerdì è stata chiusa una sauna di Madrid, identificata come un altro possibile luogo di contagio. Il virus intanto è emerso anche in Svizzera, Israele, Italia, Francia e Germania.

Bisognerà attendere l’inizio di giugno per verificare se il gay pride di Maspalomas sia stato davvero l’evento “superspreader” da cui l’epidemia ha avuto origine in Europa, perché i giorni di incubazione variano dai 12 ai 21, dunque le diagnosi tra persone connesse all’evento delle Canarie potrebbero aumentare all’inizio del prossimo mese. “Questa è la prima volta che vengono segnalate catene di trasmissione in Europa senza collegamenti epidemiologici noti con l’Africa occidentale e centrale”, hanno di chiariato dall’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie). Elemento che impensierisce gli esperti.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi
Cronaca / Ancora un morto sul lavoro: operaio folgorato in un cantiere a Taranto
Cronaca / Maiorca, 4 turisti italiani arrestati per stupro di gruppo