Covid ultime 24h
casi +15.943
deceduti +429
tamponi +327.704
terapie intensive -51

Vaccino Reithera, il Sacco di Milano cerca volontari per la sperimentazione: prevista un’indennità di 800euro

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 1 Apr. 2021 alle 18:16 Aggiornato il 1 Apr. 2021 alle 18:17
14
Immagine di copertina
Credit: ANSA/ FILIPPO VENEZIA

L’ospedale Sacco di Milano sta cercando volontari per sperimentare il vaccino italiano anti Covid Reithera. L’avviso è stato pubblicato sul sito del Dipartimento di Malattie Infettive dell’ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano, individuato come uno dei 25 centri nazionali dove sarà avviata la sperimentazione del siero “made in Italy”. La struttura ospedaliera milanese, per la fase 2 e 3 dello studio chiamato “Covitar”, è alla ricerca di partecipanti sani, a cui verrà corrisposta un’indennità economica per ogni partecipante per un massimo di 800 euro.

Il vaccino (nome ufficiale: GRAd-CoV-2) rientra nel gruppo dei cosiddetti vaccini a vettore virale, un adenovirus costruito in modo da non replicarsi nell’organismo ma in grado di stimolare una forte immunità verso la proteina Spike di cui contiene l’informazione genetica.

L’ospedale Sacco spiega che “dalla fase 1 è emerso un buon profilo di sicurezza con scarse reazioni avverse, limitate per intensità e durata. Dopo 28 giorni dalla vaccinazione oltre il 94% dei soggetti nella fascia d’età 18- 55 anni vaccinati con una sola dose ha prodotto anticorpi, ed oltre il 90% ha sviluppato anticorpi con potere neutralizzante nei confronti del virus. Inoltre, la risposta osservata nei soggetti anziani non differisce da quella dei soggetti più giovani”.

Vaccino Covid italiano, chi può candidarsi come volontario: i requisiti
Lo studio clinico prevede l’arruolamento di soggetti volontari sani di entrambi i sessi, di età superiore ai 18 anni e che siano nelle seguenti principali condizioni:
• non aver contratto un’infezione da Sars-CoV-2 confermata da test molecolare
• non aver ricevuto un altro vaccino anti-Covid
• non avere malattie gravi e/o incontrollate
• avere condizioni cliniche stabili
• non essere in gravidanza (confermata con test positivo) o in allattamento.

Qual è l’impegno richiesto?
Sul sito si legge che “l’impegno richiesto dai volontari è di circa 4 visite nei primi due mesi (durante le quali verranno effettuati secondo un calendario prestabilito una serie di accertamenti tra cui prelievi ematici e tampone molecolare per COVID-19) e ulteriori 3 visite distanziate nel tempo. È prevista un’indennità economica per ogni partecipante per un massimo di 800 euro”.

Come candidarsi: la domanda di adesione
La domanda di adesione per candidarsi come volontario, dovrà essere inoltrata all’indirizzo mail: volontarivaccino@asst-fbf-sacco.it utilizzando l’apposito modulo allegato. I candidati saranno contattati, seguendo l’ordine cronologico di ricezione della domanda di adesione.

Leggi anche: 1. Vaccino, presentati i risultati della fase 1 dell’italiano ReiThera: “È sicuro e basta una dose”; // 2. Lo Stato italiano produrrà un vaccino contro il Covid: cosa c’è da sapere sull’operazione Reithera; // 3. Cassieri, commessi e altri eroi dimenticati: l’insopportabile classismo nella corsa delle categorie ai vaccini (di Giulio Cavalli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

14
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.