Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La madre gli toglie il computer: 19enne tenta il suicido lanciandosi dalla finestra

Immagine di copertina

Torino suicidio computer A 19 anni tenta il suicidio lanciandosi dalla finestra, dopo che la madre è riuscita a strappargli di mano il computer. Il tragico evento è avvenuto sabato 29 giugno intorno alle 15 nel quartiere Mirafiori di Torino, in via Fratelli Garrone dove il ragazzo si è buttato dal quinto piano di un palazzo. Un volo di oltre 15 metri che gli è quasi costato la vita.

Il giovane al momento è ricoverato all’ospedale Centro Traumatologico Ortopedico del capoluogo piemontese e le sue condizioni sono gravi.

La prognosi per il momento resta riservata ma secondo le prime ricostruzioni il giovane si trova intubato, con politraumi multipli a faccia, cranio e vertebre.

Viveva da anni in una sorta di isolamento autoimposto, comportamento che era anche la causa di frequenti litigi con la madre. Una vita travagliata quella dell’adolescente torinese: il basso reddito familiare aveva permesso a lui e alla madre di ottenere un alloggio popolare, ma il padre non viveva più con la famiglia e la sorella maggiore se ne era andata via per seguire il compagno.

“Stava al computer dal mattino alla sera, e quando la madre gli diceva che doveva smettere, a volte le alzava le mani”, racconta una vicina. Secondo altri condomini del palazzo, la mamma era depressa e il figlio discuteva spesso con lei sempre a causa dell’utilizzo del computer.

In Giappone, dove i casi superano il milione, definiscono “Hikikomori” coloro che decidono di ritirarsi volontariamente dalla società per alienarsi nel mondo virtuale. L’associazione nazionale Hikikomori Italia stima che nel nostro paese siano almeno 100mila le vittime di questa “sindrome”.

“La maggior parte di loro ha tra i 13 e i 16 anni, vivono a casa ritirati dalla scuola, senza ottenere metodi alternativi di studio. Giocano ai videogiochi, navigano su internet. Abusano del pc, ma lo fanno perché sono isolati”. TPI ha raccolto il parere di Marco Crepaldi e Antonio Piotti, due esperti che studiano i casi in Italia, e ha ascoltato la testimonianza di un giovane Hikikomori.

Vi spiego perché da quattro anni vivo chiuso nella mia stanza. La storia di Davide intervistato da TPI
Chi sono gli Hikikomori italiani che vivono isolati dal mondo reale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”
Cronaca / Covid, 26.561 casi e 89 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'11,4%
Cronaca / La mamma del bimbo morto nell’incidente all’asilo: “Un dolore sovrumano, chiediamo silenzio”