Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Così il piccolo Ramy ha evitato la strage sul bus a Milano

Immagine di copertina
Rami, lo studente "eroe" ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Rami “è stato furbo”, racconta Adam, 13 anni. Uscendo dalla scuola Margherita Hack di San Donato il giovane studente parla solo del compagno di classe. “Ci ha salvato la vita”.

Perché “quando l’autista ci ha requisito i telefoni, lui lo ha nascosto e ha chiamato il 112: è il nostro eroe”.

La prima delle tre volte in cui Ousseynou Sy, l’autista 47enne italiano di origini senegalesi, ha fermato il bus per dirottarlo e poi cospargerlo di benzina, ha raccolto i telefoni. È in quel momento che Rami ha capito che quello smartphone poteva salvare la sua vita e quella dei suoi compagni di classe. Così lo ha nascosto.

Quando poi il mezzo è ripartito Il 13enne ha chiamato i carabinieri, raccontando che quell’uomo voleva ucciderli. Qualcosa di incredibile, all’inizio, anche per chi era dall’altro capo del telefono. Ma i militari hanno comunque allertato tutte le pattuglie per intercettare lo scuolabus.

>>> La disperata fuga, poi le fiamme: le tremende immagini dei bambini sul bus

>>> Incendio autobus a Milano: i video del mezzo avvolto dalle fiamme

Rami ha poi chiamato i suoi genitori. “È stato freddo e coraggioso” racconta il compagno. A quel punto però l’autista si era accorto che qualcuno non aveva consegnato l’apparecchio e si è fermato una seconda volta per prenderglielo.

Ma quelle due telefonate sono bastate per avvertire le forze dell’ordine e consentire il loro intervento.

“Pensavamo fosse il nostro ultimo giorno, abbiamo pianto tanto”, continua Adam nel suo racconto. “È stata una brutta e una bella esperienza allo stesso tempo, perché abbiamo imparato a difenderci”, aggiunge, ancora scosso.

Sami fornisce un altro particolare inquietante, che dimostra come l’autista avesse preparato tutto nei minimi particolari. “Già quando siamo partiti da casa aveva detto che era finita la benzina, quindi aveva in mano una tanica. Era strano”.

Poi “siamo partiti e a quel punto ha cambiato la direzione del bus: ha chiesto all’insegnante e alla bidella di legarci con le fascette di plastica”, quelle che usano gli elettricisti. Sami ne ha ancora una al polso: “Solo quelli che erano seduti davanti sono stati legati, ma sono riusciti a slegarsi: una professoressa aveva una pinzetta”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Cronaca / Funivia Mottarone, il terribile video che mostra lo schianto della cabina
Cronaca / Il Lazio guarda ai giovani: premiate le 100 idee vincitrici del bando “Vitamina G”
Cronaca / A processo con l’accusa di bigamia 40enne si difende: “Non ero a conoscenza del primo matrimonio”
Cronaca / Muore di tumore a 47 anni, sull’epigrafe fa scrivere l’Iban della figlia: “Deve proseguire gli studi”
Cronaca / Grillo, attacco sul blog a G7 e Nato: “Una parata ideologica” per sparare contro Cina e Russia
Cronaca / Saman Abbas, spunta l’sms della madre: “Torna a casa, stiamo morendo, faremo come dici tu”
Cronaca / Luca Barbareschi: “Nessuna eredità ai miei figli, ho pagato loro università da 900mila euro. Ora devono cavarsela”