Me

Sea Watch, ecco perché la capitana Carola Rackete è stata arrestata | VIDEO

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 29 Giu. 2019 alle 12:25 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:32

Sea Watch capitana arrestata perché

Nella notte tra venerdì 28 e sabato 29 giugno la Sea Watch 3 è attraccata senza autorizzazione al porto di Lampedusa con a bordo 40 migranti soccorsi al largo delle coste della Libia.

Subito dopo, la capitana della nave, Carola Rackete, 31 anni, è stata posta in arresto dalla Guardia di Finanza con l’accusa di di resistenza o violenza contro nave da guerra e tentato naufragio: qui abbiamo spiegato cosa rischia penalmente.

Come si vede nel video sopra, infatti, la Sea Watch, entrando in porto, ha speronato una motovedetta della Guardia di Finanza che era appostata lungo la banchina. Nella manovra di accostamento la nave, battente bandiera olandese e appartenente alla Ong tedesca Sea Watch, ha rischiato di schiacciare l’imbarcazione dei finanzieri.

“Le ragioni umanitarie non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti”, ha commentato il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio.

La Procura ha chiesto gli arresti domiciliari per la capitana Rackete, che ha indicato come domicilio in cui scontare la misura cautelare un’abitazione a Lampedusa.

La capitana è accusata di aver violato l’articolo 1100 del Codice della navigazione, che prevede una pena compresa fra i 3 e i 10 anni di reclusione. Ma le viene contestato anche il reato di tentato naufragio, previsto dagli articoli 110 e 428 del Codice penale, e sanzionato con la pena massima di 12 anni.

Chi è Carola Rackete, la capitana della Sea Watch 3 che ha sfidato Salvini

Cosa rischia penalmente Carola Rackete

Salvini contro la capitana della Sea Watch: “Comportamento criminale”

Il capitano e la capitana: chi ha perso e chi ha vinto nella farsa del caso Sea Watch (di Luca Telese)

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Se l’Europa apre gli occhi sui migranti grazie a Salvini (di G. Gambino)