Covid ultime 24h
casi +16.310
deceduti +475
tamponi +260.704
terapie intensive -2

Scampia, dopo le treccine blu i jeans strappati: altri due ragazzini bloccati fuori dalla classe

La preside dell'Istituto Alpi-Levi di nuovo al centro delle cronache per il regolamento sull'abbigliamento che ha deciso di applicare a scuola

Di Maria Teresa Camarda
Pubblicato il 17 Set. 2019 alle 12:41 Aggiornato il 17 Set. 2019 alle 12:43
0
Immagine di copertina
I jeans strappati dei due ragazzini bloccati nella scuola di Scampia

Scampia, bloccati due studenti coi jeans strappati

Nuovo caso alla scuola Alpi-Levi di Scampia, a Napoli. Altri due ragazzini sono stati lasciati fuori dalla classe, per volere della preside Rosalba Rotondo, perché indossavano dei jeans strappati. La dirigente scolastica è la stessa che la settimana scorsa aveva impedito l’accesso a scuola a un tredicenne con una cresta di treccine blu, finendo così nel tritacarne mediatico.

A raccontare cos’è successo a Scampia, per via dei jeans strappati, è stata la mamma dei due ragazzi lasciati fuori dalla scuola. “Questa volta non sono treccine blu, ma semplici jeans a far sì che la preside Rotondo si arroghi il diritto di lasciare in sala professori i miei figli per l’intera durata delle attività didattiche, precludendogli il diritto allo studio”, ha raccontato Mary Bevar su Facebook.

“Mio figlio è riuscito ad ottenere di poter andare in bagno verso le 11, mi ha tempestivamente telefonato per dirmi che la preside, ritenendo non consono il loro abbigliamento, li aveva costretti a non entrare in classe per svolgere le lezioni. Mi sono precipitata all’IC Alpi-Levi, sono entrata nell’Istituto e senza firmare alcun permesso (perché nessuno mi ha detto che dovevo) né avere la possibilità di parlare con la dirigente, ho prelevato i miei figli e sono uscita”, prosegue la donna.

“Fuori c’erano già dei giornalisti, visto che ormai l’operato discutibile della preside Rotondo fa notizia”. Dopo il divieto di entrare a scuola al ragazzino con le trecce blu, la preside Rotondo aveva ribadito, parlando con la stampa, che non aveva intenzione di fare un passo indietro e che anzi la sua azione per insegnare ai ragazzi a rispettare le regole, come quelle sull’abbigliamento, sarebbe andato avanti allo stesso modo.

“Mio figlio è sotto shock, non vuole tornare a scuola”

E così, dopo il caso del ragazzo di Scampia con le treccine blu, è arrivato il nuovo stop anche ai due figli di Mary Bevar. Che ha anche postato sui social una foto in cui si vedono i jeans strappati dei due ragazzini: gli strappi ci sono, è vero, ma non sono eccessivi, come altri modelli di moda, né fanno vedere la pelle sotto.

scampia jeans strappati
Il post della mamma dei due ragazzi bloccati a scuola

“Mio figlio ora è sotto shock e non vuole tornare a scuola. È un comportamento normale da parte di una dirigente? I pantaloni dei mii figli, di cui posto foto, sono così “oltraggiosi”?”, si chiede la mamma. E poi lancia un appello: “Mi rivolgo ai social, ai giornalisti, agli organi preposti a vigilare: bisogna che, chi di dovere, riveda il ruolo assegnato alla succitata dirigente, perché stiamo vivendo nel terrore di mandare i nostri figli a scuola”.

Il ragazzo con le treccine blu cacciato dalla preside: “Le taglio pur di tornare a scuola”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.