Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

Sardegna, tamponi usati scambiati per nuovi: si è dimesso il direttore dell’Assl di Carbonia

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 17 Ott. 2020 alle 18:39
190
Immagine di copertina

Sardegna, tamponi usati scambiati per nuovi: dimesso direttore Assl Carbonia

Si è dimesso Ferdinando Angelantoni, il direttore della Assl di Carbonia, in Sardegna, finita nella bufera una settimana fa per l’incidente avvenuto nel laboratorio di analisi dell’ospedale Sirai, dove su due volontari sono stati utilizzati dei tamponi scambiati per nuovi e invece già testati venti giorni prima. Le dimissioni del direttore della Assl saranno operative da lunedì. Ma la sua non è stata l’unica testa a saltare: l’Ats ha infatti sollevato dall’incarico la dirigente del servizio Maria Cristina Garau sostituendola con Francesco Ronchi, direttore dello stesso servizio a Sanluri. L’Ats ha tuttavia giustificato la decisione di togliere l’incarico a Garau per la sopraggiunta scadenza del periodo di incarico dell’ex primario.

Secondo quanto riporta l’Unione Sarda, ieri Garau ha ricevuto la comunicazione del direttore generale, nella quale veniva informata di aver ottenuto una nuova funzione, non direttiva, dopo le valutazioni espresse da una commissione nominata dal commissario straordinario dell’Azienda tutela salute per fare chiarezza sull’incidente avvenuto nel laboratorio. Dunque, l’ormai ex dirigente continuerà a svolgere la sua attività nel laboratorio, ma in modo subordinato a un nuovo direttore. Garau ha inoltrato, tramite il suo avvocato Giacomo Doglio, una diffida alla Ats, chiedendo la revoca della decisione e il suo reintegro in ruolo. Secondo l’ex dirigente, infatti, la delibera di affidamento dell’incarico ad interim è “palesemente illegittima”, e tra l’altro il nuovo direttore era “componente della commissione” nominata dall’Ats.

Leggi anche: 1. Allarme terapie intensive: ecco la situazione regione per regione. Se i casi aumentano non siamo pronti / 2. Il Governo striglia le Regioni e valuta la stretta: verso un nuovo Dpcm con coprifuoco dalle 22 / 3. I presidi contro De Luca: “No alla didattica a distanza. La scuola non si ferma”

4. “Ora fermiamoci 3 settimane”: parla Crisanti / 5. “Giusto il coprifuoco a Roma e Milano”: lo dice Bassetti, il prof del “virus indebolito” / 6. L’allarme dei medici di famiglia: “Nel Lazio sommersi da telefonate”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

190
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.