Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

ll set di Tom Cruise invade l’ospedale con i pazienti Covid: polemiche all’Umberto I di Roma. “Situazione inaccettabile”

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Da qualche giorno l’attore Tom Cruise è sbarcato a Roma per girare il nuovo episodio della saga “Mission Impossible”. Le riprese del film, ultimo episodio della celebre saga cinematografica erano da programma lo scorso marzo, ma sono state necessariamente rimandate ad ottobre a causa dell’emergenza coronavirus, che ne ha impedito la realizzazione. Da quanto si apprende la produzione americana ha previsto severe misure anti Covid-19, per permettere agli attori e allo staff di lavorare in sicurezza nonostante l’epidemia e i contagi in crescita in città. L’uscita del film nelle sale cinematografiche al momento è prevista a novembre 2022.

Nonostante le severe misure di sicurezza, il set del nuovo film sta creando diversi problemi all’Umberto I, il luogo dove si stanno girando numerose scene del film. Il problema è che all’interno della struttura – come riporta Repubblica – ci sono 140 malati di Covid-19 “poco distanziati” – per così dire – dalla numerosa troupe hollywoodiana.

Ieri mattina la situazione era davvero caotica – racconta il personale ospedaliero sentito da Repubblica – c’erano operatori del film sparsi per tutto l’ospedale anche fra le barelle con i malati e i pazienti Covid-19, che sono circa 140”. Non solo. Le riprese stanno andando avanti a circa una decina di metri dall’ascensore rigorosamente riservato ai pazienti affetti dal virus. Il set occupa tutto il salone al primo piano della Direzione generale. Un esercito di operatori che rende difficile perfino avvicinarsi per chiedere informazione al personale addetto”.

“Stiamo vivendo una situazione di promiscuità inaccettabile”, dichiarano dallo staff ospedaliero. “Da 1200 posti letto siamo passati in questi giorni a 500, 300 per i malati “normali” e 200 per covid. La cosa grave è che in questo momento drammatico nel quale si sta innalzando la curva del contagio, essendo noi una dei policlinici di riferimento del Lazio per il coronavirus, si sia dato il permesso di ospitare una troupe cinematografica hollywoodiana”.

Leggi anche: 1. Mascherine, multe e divieti: tutte le regole in vigore da oggi / 2. Non è vero che la mascherina è sempre obbligatoria: cosa cambia davvero rispetto a prima / 3. Conte: “Serve più rigore, mascherine anche in casa se riceviamo ospiti”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Proteste no green pass: domani attese 20mila persone a Trieste. Genova, sgomberato presidio al porto
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”