Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Roma, Ricorso al Tar contro il Mibac per far ripartire i lavori del McDonald alle Terme di Caracalla

Immagine di copertina
Gerald Matzka/AFP

Ad annunciare il ricorso è il proprietario del vivaio Eurogarden su cui dovrebbe sorgere il nuovo McDonald

Il ricorso al Tar contro il Mibac da parte del proprietario dell’Eurogarden, su cui dovrebbe sorgere il McDonald alle Terme di Caracalla

Il proprietario del vivaio Eurogarden di fronte alle Terme di Caracalla, su cui sarebbe dovuto sorgere un nuovo McDonald da 250 posti a sedere, annuncia un ricorso al Tar contro il Ministero per i Beni culturali. Dopo la mobilitazione di alcuni consiglieri municipali il 30 luglio il Mibac ha infatti bloccato i lavori al cantiere perché riteneva necessario tutelare l’area verde di Via Baccelli, poco distante dalle Mura Aureliane dell’antica Roma. Il patron dell’Eurogarden Stefano Ceccarelli il 31 luglio ha però dichiarato al Sole 24 Ore-Radiocor che intende andare per vie legali pur di far ripartire i lavori.

“Il parere del Mibac è illegittimo perché fondato su un presupposto errato. Il progetto era stato preceduto da un accurato esame vincolistico della zona, ora salta fuori un nuovo vincolo”, dichiara l’imprenditore.

Ceccarelli aveva deciso di affidare il suo vivaio a McDonald’s perché cercava “una leva finanziaria” che gli consentisse “di  riqualificare il vivaio”. “Mc Donald’s è stato l’unico ad adattarsi a una idea progettuale così complessa, vista la delicatezza dell’area, accettando anche di riqualificare l’area adiacente le Mura Aureliane” aggiunge.

Il blocco dei lavori al cantiere del McDonald da parte del Mibac

L’ “accurato esame vincolistico della zona” a cui fa riferimento il proprietario del vivaio era stato fatto dalla soprintendenza speciale di Roma, dipendente dal Mibac, che aveva emesso parere favorevole al progetto.

Il soprintendente Francesco Prosperetti dopo aver dato il via libera aveva però inviato una nota al Comune e al Municipio I di Roma. Nel comunicato segnalava che l’area era parte di un Piano territoriale paesaggistico della Regione che gli enti locali avevano il compito di applicare. “Sull’applicazione del Piano vigila l’ente delegato, che è il Comune di Roma. Abbiamo scritto anche al Comune e al I Municipio sulla presenza in quell’area del Piano. Ma il 28 febbraio 2018 ci ha risposto il dipartimento Urbanistica del Campidoglio dicendo che non era così e che dunque non era necessario il procedimento”, afferma il Soprintendente durante una discussione al Municipio I del 29 luglio.

Il Comune ha invece preferito dare l’ok al progetto e anche la presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi non ha opposto resistenza. Così a giugno McDonald’s ha aperto i cantieri. I consiglieri municipali, invece, sono venuti a conoscenza della realizzazione del fast-food solo “a cose fatte”; il 24 luglio, durante una commissione di lavoro.

La mobilitazione per fermare il progetto

Dopo la notizia è partita la mobilitazione a livello municipale. I consiglieri Flavia De Gregorio e Adriano Labbucci insieme al presidente della commissione Ambiente Stefano Marin il 29 luglio hanno avuto un incontro con la soprintendenza e il giorno dopo il direttore generale dei Ministero per i Beni culturali Gino Famiglietti ha disposto la sospensione del cantiere.

“Il problema -spiega De Gregorio– è che il progetto è stato approvato e adesso pioveranno altri ricorsi. Bisognava fermare tutto prima”.

Nelle prossime settimane ci sarà una nuova commissione al Municipio per capire come reagire ai ricorsi.

Intanto alcune associazioni della società civile segnalano una nuova minaccia. “Siamo felici della decisione del Mibac ma vorremmo esprimere un giudizio analogo per la vicenda di un nuovo McDonald’s a lato del Pantheon. Questa minaccia è tuttora incombente”, hanno dichiarato il 1 agosto i presidenti del Comitato per la Bellezza e dell’associazione Bianchi Bandinelli.

Sul progetto di una riapertura del McDonald al Pantheon non sono ancora emersi nuovi dettagli. Anche di questo si discuterà nella prossima commissione al Municipio.

Roma, spunta un McDonald’s a fianco delle Terme di Caracalla (patrimonio Unesco). Ma “non è colpa di nessuno”
Roma, alle Terme di Caracalla pronto ad aprire un McDonald’s: è bufera
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova
Cronaca / Giulia Talia, la prima aspirante Miss Italia dichiaratamente lesbica: “Spero di essere d’aiuto ad altri”