Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca » Roma

Roma, alle Terme di Caracalla pronto ad aprire un McDonald’s: è bufera

Immagine di copertina
McDonald's a Caracalla

La sindaca Virginia Raggi, appresa la notizia, ha chiesto lo stop

McDonald’s alle Terme di Caracalla? La notizia che la catena di fast food americana possa aprire una sede nell’area archeologica sito Unesco ha fatto scatenare un vero e proprio putiferio a Roma.

Nelle intenzioni del colosso a stelle e strisce c’è quello di completare il progetto entro la fine dell’anno in un’area dismessa da un vivaio storico proprio a ridosso delle mura Aureliane.

“È gravissimo che si possano realizzare tali progetti nel Sito Unesco. Con queste trasformazioni pezzo per pezzo si sta distruggendo la bellezza, la storia e la cultura di Roma”, ha commentato la consigliera del I municipio Nathalie Naim.

Immediata la risposta della presidente del municipio coinvolto, Sabrina Alfonsi, che ha garantito la regolarità del progetto dal punto di vista amministrativo, sottolineando che la superficie interessata è “un’area verde privata, senza servizi” e che”essendo una grande multinazionale i lavori saranno senz’altro soggetti a controlli più stringenti”.

Da parte sua, McDonald’s ha fatto sapere che “il ristorante (circa 800 mq con area interna ed esterna riservata alle auto, 250 posti a sedere complessivi, ndr) andrà a occupare il capannone già esistente non ci saranno volumi aggiuntivi, e non ci saranno insegne impattanti, così come prescritto dalla Soprintendenza si tratta di un progetto di riqualificazione complessiva dell’area”.

Solo dopo che si è sollevato il polverone è intervenuta la sindaca di Roma Virginia Raggi, a sua detta, all’oscuro di tutto. La prima cittadina ha chiesto la sospensione del progetto esecutivo per la realizzazione del fast food nel cuore della Capitale.

Nelle intenzioni della sindaca ci sarebbe quella di avviare un confronto con tutte le parti interessate e con i cittadini al fine di cancellare questo progetto e trovare nuove soluzioni attente a tutte le criticità e ai rischi che un piano del genere potrebbe generare in un sito molto delicato, vincolato dall’Unesco.

Il blitz di Virginia Raggi al palazzo occupato Casapound per far rimuovere la scritta abusiva

Virginia Raggi: “Camilleri cittadino onorario di Roma? Una grande idea”

Ti potrebbe interessare
Politica / Dai medici alle comunità straniere, la lista del PD alla carica del Campidoglio
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Politica / “A Roma i ragazzi non sognano più”: parla la candidata più giovane del Pd alle comunali
Ti potrebbe interessare
Politica / Dai medici alle comunità straniere, la lista del PD alla carica del Campidoglio
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Politica / “A Roma i ragazzi non sognano più”: parla la candidata più giovane del Pd alle comunali
Cronaca / Roma, vicino lo sgombero di Casapound: Raggi annuncia “novità”
Politica / Veltroni scende in campo: “Gualtieri può governare Roma”
Cronaca / Euro 2020, Inghilterra-Ucraina a Roma: quarantena impossibile per i tifosi inglesi. Pregliasco: “Un guaio”
Cronaca / San Pietro e Paolo (29 giugno): supermercati e negozi aperti o chiusi a Roma
Cronaca / Er Brasiliano, spari contro l’auto della compagna e un avvertimento: “Fatti i ca**i tuoi”
Roma / Roma, 27enne licenziato uccide a coltellate il datore di lavoro all’uscita della metro
Opinioni / La statua della porchetta, celebrazione del rituale tutto romano della magnata