Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Rientro in classe il 10 gennaio, le Regioni chiedono nuove regole sulla Dad: ecco cosa potrebbe cambiare

Immagine di copertina

Ritorno a scuola il 10 gennaio, senza slittamenti: è il punto fermo emerso dall’incontro tra il premier Mario Draghi, il Commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo, il Ministro della Salute Roberto Speranza e quello dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Sul tavolo restano però le proposte delle Regioni, che speravano di rinviare il rientro in classe a fronte dell’impennata dei contagi della variante Omicron, ma si sono scontrati con il fermo No del governo, che vuole scongiurare non solo il ritorno alla Dad ma anche allo smart working per gli statali.

I governatori chiedono allora nuove regole sulla didattica a distanza, e cioè lo stop alla frequenza in presenza di un alunno positivo alle scuole materne, di due contagiati alle scuole elementari e medie e di almeno tre persone positive per le superiori. Tra i punti dell’accordo potrebbe esserci anche l’introduzione del tampone solo agli alunni sintomatici nelle classi in cui sono emersi casi di positività, e non a tutti gli studenti.

Le Regioni vorrebbero poi che con i primi casi di positività si evitino le ore di educazione fisica e di musica, con l’obbligo delle mascherine Ffp2 per tutti, oltre che una costante aerazione delle aule. Non si discute più di misure differenziate tra studenti vaccinati e non vaccinati, ma la linea dei governatori resta quella di imporre maggiori restrizioni per quelle fasce d’età meno coperte dalle vaccinazioni rispetto alle altre. Quindi appunto Dad con almeno due positivi in classe alle elementari e medie, tre per le superiori e, in entrambi i casi, una quarantena di 7 giorni. Previsto anche lo stop al tampone il primo giorno, ma un ricorso più diffuso ai test da casa. Ora la palla passa al Cts, a cui le Regioni chiedono di esprimersi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Cronaca / Covid, intera famiglia stroncata dal virus: non erano vaccinati
Cronaca / No vax pentito scrive un libro: “Ho creduto di morire, spero di convincere i dubbiosi”
Cronaca / Fabio Fazio contro i no vax: “Disinformazione riempie ospedali, non si può dare spazio”
Cronaca / Bassetti: “Tutti prenderanno la variante Omicron entro l’inizio dell’estate”
Cronaca / Melandri scaricato da uno sponsor dopo le dichiarazioni sul Covid: “Prendiamo le distanze”
Cronaca / La previsione del capo di Pfizer: “L’attuale ondata di Covid-19 sarà l’ultima con le restrizioni”