Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Maxitruffa a Rimini: 500 persone versano la caparra per una stanza d’albergo che non c’è

Immagine di copertina

Rimini: 500 persone versano la caparra per una stanza d’albergo che non c’è

Maxitruffa a Rimini dove 500 persone hanno versato la caparra per prenotare una stanza d’albergo che in realtà non c’era.

A raccontare l’accaduto è il Resto del Carlino, secondo i titolari della struttura, un hotel a due stelle della frazione Marebello, sono spariti nel nulla.

La vicenda va avanti già da qualche giorno con i clienti dell’albergo che arrivano nella struttura per poi apprendere l’amara verità: ovvero che la stanza prenotata, e per la quale è stata già versata una caparra, in realtà non è a disposizione perché l’hotel è sold out.

“Siamo venuti ora e non c’è nessuna stanza” racconta una signora arrivata dall’Abruzzo con il marito e il nipote. Altri, invece, hanno pagato la pensione completa per poi scoprire che non c’è il servizio di ristorazione.

In tutto questo i titolari sono spariti nel nulla, mentre i dipendenti dell’hotel affermano di non avere nessuna colpa per quanto accaduto.

L’Associazione Albergatori di Rimini, inoltre, spiega che non è la prima volta che i titolari compiono questo tipo di truffe: “Sono persone note che l’hanno già fatto con altre strutture”.

Nonostante ciò, però, l’albergo continua a restare aperto per una questione burocratica: “Senza la Pec e con i titolari residenti a Torino, il provvedimento di chiusura non è ancora stato notificato”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giulia Torelli, l’influencer choc su Instagram: “I vecchi non devono votare. Sono rincogli**iti”. È bufera
Cronaca / Cardinal Zuppi (Cei): “Eletti siano a servizio di tutti. Ci faremo sentire anche con severità”
Cronaca / Il marito la picchia con uno smartphone davanti alla figlia di 4 anni: salvata da una telefonata anonima
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giulia Torelli, l’influencer choc su Instagram: “I vecchi non devono votare. Sono rincogli**iti”. È bufera
Cronaca / Cardinal Zuppi (Cei): “Eletti siano a servizio di tutti. Ci faremo sentire anche con severità”
Cronaca / Il marito la picchia con uno smartphone davanti alla figlia di 4 anni: salvata da una telefonata anonima
Cronaca / Boom di accessi su Pornhub nel giorno delle elezioni politiche
Cronaca / Renato Zero davanti all'hotel di Giorgia Meloni: "È un regime"
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande