Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ristoranti, bar, cinema, palestre: le regole per le riaperture da fine Aprile

Immagine di copertina

Riaperture ristoranti, cinema, bar e palestre: il piano dal 20 aprile

Riaprire, riaprire, riaprire: lo si chiede da settimane. Lo chiedono i commercianti, gli operatori, i politici (anche quelli in maggioranza), lo chiedono le famiglie sul lastrico e i governatori di Regione. Riaprire, ma a che prezzo? Troppo alto è ancora il numero dei nuovi contagiati e delle vittime per fare previsioni su una possibile data, eppure le intenzioni del Governo sembrano dirigersi verso maggio, o fine aprile addirittura.

Secondo una possibile tabella di marcia si inizierebbe dai ristoranti a ora di pranzo, poi le sale per gli spettacoli e i musei, a seguire i bar e le palestre, sia pur con lezioni individuali. La possibilità di ottenere il via libera alle ripartenze riguarda le regioni che avranno numeri da zona gialla (qui abbiamo spiegato quali sono le prime Regioni che potrebbero riaprire). La regola imposta dal governo nel decreto di aprile — che potrebbe essere prorogata a maggio — prevede che tra i parametri da tenere in considerazione ci sia l’andamento della campagna vaccinale — e i governatori hanno ribadito di essere pronti se avranno a disposizione le dosi necessarie. Dunque si comincia a studiare il calendario.

Le date

Il monitoraggio del 16 aprile sarà decisivo perché fornirà il quadro aggiornato, dal 20 comincerà il confronto tra governo e Regioni sul percorso da seguire. Sulla base dei dati aggiornati al 23 aprile si scriverà il nuovo decreto fissando un percorso per le riaperture che dovranno comunque essere «graduali», come ha già evidenziato il Comitato tecnico scientifico.

Ristorazione

La ristorazione chiede di riaprire in sicurezza le attività con un allungamento degli orari. Il comparto preme per definire rapidamente una road map per far ripartire il settore eventi che rischia di veder andare in fumo quasi due anni di fatturato. Una richiesta che ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie avanzano anche ricordando gli sforzi già compiuti sul piano della sicurezza: hanno adeguato le proprie attività alle regole dei protocolli. Il settore chiede al governo di prolungare l’esercizio delle attività di ristorazione fino alle ore 23.

Eventi, cinema e teatri

In alcuni casi, come ad esempio per i cinema e i teatri, una piattaforma di base con le regole da adottare c’è già. Il Dpcm del 2 marzo aveva infatti previsto nelle zone gialle, a decorrere dal 27 marzo, la riapertura dei spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’apertoDomani il ministro della Cultura, Dario Franceschini, incontrerà gli esperti del Cts per discutere con loro i criteri di riapertura di cinema e teatri, ma anche mostre e musei. E chiederà di poter aumentare il numero di ingressi nelle sale a determinate condizioni. Tra i requisiti richiesti c’è la mascherina Ffp2 per la durata dello spettacolo, il tampone effettuato nelle 48 ore precedenti, il fatto di essere già vaccinati.

Sport

“Noi ogni giorno facciamo presente che la situazione è oggettivamente in termini sportivi, sociali ed economici non più sostenibile”. lo ha detto il presidente Giovanni Malagò dopo la Giunta Nazionale del Coni parlando delle riaperture nel mondo dello sport. I protocolli sono stati aggiornati e si dovrà stabilire se consentire — almeno nella prima fase — solo lezioni individuali oppure anche di gruppo, sempre con distanziamento e con un utilizzo limitato degli spogliatoi. Gli scienziati stanno esaminando il dossier relativo al ritorno del pubblico per tennis e calcio.

Leggi anche: 1. Vaccini, Italia rimanda a fine mese l’obiettivo di 500mila dosi al giorno. La Spagna è già oltre 450mila / 2. Se i governi europei guardano alla paura e non alle statistiche / 3. Chi fa da sé fa male all’Europa: il caso AstraZeneca mostra l’incapacità degli Stati di agire con una voce sola

4. AstraZeneca, Ippolito: “Nessun vaccino è sicuro al 100% ma senza continueranno a morire centinaia di persone” / 5. AstraZeneca, l’Europa si divide anche sulla seconda dose: regole diverse da Paese a Paese / 6. Riaperture, le date possibili. Gelmini: “Parrucchieri ed estetisti già ad aprile”. Negozi e bar a maggio

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'orditoio gemello di quello che ha ucciso Luana era stato manomesso
Cronaca / Jesolo, sesso in spiaggia per una coppia di 20enni: scatta l’applauso dei passanti
Cronaca / 8.085 nuovi casi, 201 decessi: il bollettino
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'orditoio gemello di quello che ha ucciso Luana era stato manomesso
Cronaca / Jesolo, sesso in spiaggia per una coppia di 20enni: scatta l’applauso dei passanti
Cronaca / 8.085 nuovi casi, 201 decessi: il bollettino
Cronaca / Sallusti si è dimesso da direttore de Il Giornale
Cronaca / "Beve 7 litri al giorno ma è disidratata": come sta la ragazza vaccinata per sbaglio 4 volte
Cronaca / Ddl Zan, il consigliere regionale leghista chiede alla Madonna di fermare la legge
Cronaca / Muore in un incidente: l'assicurazione risarcisce sia la moglie che l'amante
Cronaca / Roma, ragazzo drogato e violentato da due amici
Cronaca / Calabria, il dramma dei 7mila tirocinanti precari della P.a.: “Noi, ignorati da politica e sindacati”
Cronaca / “Lei consenziente, doveva essere un gioco”: i verbali dell’interrogatorio di Ciro Grillo