Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Covid, il Governo verso il no alle riaperture di cinema, teatri e altre attività

Di Marco Nepi
Pubblicato il 30 Dic. 2020 alle 08:25 Aggiornato il 30 Dic. 2020 alle 10:14
41
Immagine di copertina

Cinema, teatri, ristoranti: slittano le riaperture. Ma Spadafora apre su palestre

Mentre il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza sulla riapertura delle scuole il 7 gennaio prossimo, quella delle attività sportive e culturali è ancora incerta. Nel governo il dibattito è aperto, ma come già anticipato dopo il tavolo tecnico tra Cts e ministro dello Sport, è escluso che palestre, piscine e centri sportivi possano ripartire già il 16 gennaio, allo scadere del Dpcm varato il 3 dicembre.

Roberto Speranza ha ribadito che dopo quella data si tornerà alla divisione del Paese in tre fasce di rischio a seconda della curva epidemiologica di ogni Regione. Ieri, nel corso della trasmissione di Rai 3 Agorà, il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha aperto uno spiraglio di speranza. “Confido che entro fine gennaio tutta l’attività sportiva possa riprendere, ovviamente con tutte le limitazioni per la sicurezza”, ha dichiarato Spadafora.

“Stiamo lavorando costantemente col Cts: noi a ottobre avevamo predisposto un protocollo di sicurezza molto rigido e devo dire che molte palestre avevano fatto investimenti. Credo che la riapertura a fine gennaio sia un obiettivo raggiungibile, ma dobbiamo vedere i dati epidemiologici della prima settimana di gennaio. Confido comunque che palestre, centri danza, piscine potranno essere riaperte”, ha aggiunto.

I gestori di palestre e piscine possono dunque sperare in una riapertura a fine gennaio, anche se i protocolli previsti potrebbero essere ancora più stringenti di quelli attuali: ingressi contingentati, priorità agli sport individuali e limite all’ingresso negli spogliatoi.

La chiusura è una prospettiva certa, invece, per cinema e teatri. Solo i musei dovrebbero riaprire prima, fermo restando la prenotazione e gli ingressi limitati. Per bar e ristoranti, si tornerà al regime precedente al 24 dicembre, e cioè apertura dalle 5 del mattino fino alle 18 nelle zone gialle – nel rispetto dei protocolli anti Covid – e chiusura in quelle arancioni e rosse. Resterebbero consentiti solo l’asporto e la consegna a domicilio.

Ancora chiusi anche i grandi eventi e le discoteche, e ogni spazio che prevede un grande numero di persone nello stesso luogo. Per ipotizzare e programmare le ripartenze, spiega il Cts, l’indice Rt deve scendere almeno allo 0,5.

Leggi anche: 1. Covid, la Spagna terrà un registro con i nomi di chi rifiuta il vaccino / 2. A Briatore non è bastata la lezione: assembramenti al Billionaire di Dubai | VIDEO / 3. In Italia le piste da sci sono chiuse per Covid, in Austria invece sono prese d’assalto nonostante il lockdown

4. Sileri: “Vaccino obbligatorio se la campagna non raggiunge i due terzi della popolazione” / 5. Vaccino, la Germania acquista da Pfizer 30 milioni di dosi extra. Scoppia la polemica / 6. Vaccino Covid, il farmacologo Garattini a TPI: “Non sarà disponibile rapidamente, misure ancora fondamentali”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

41
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.