Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Razzo cinese, Protezione Civile: “Scarsa possibilità che colpisca l’Italia”

Immagine di copertina
Il lancio del razzo cinese Long March 5B, il 29 aprile 2021. Credit: EPA/MATJAZ TANCIC

Razzo cinese in caduta domenica, 9 regioni italiane in allerta: “Evitare di stare all’aperto”

La caduta sulla Terra dello stadio principale del razzo cinese “Long March 5B” è prevista alle prime ore di domenica 9 maggio. Secondo le ultime stime comunicate dalla Protezione Civile, sono scarse le probabilità che il razzo cinese ci colpisca. La finestra di incertezza relativa al rientro incontrollato in atmosfera del lanciatore spaziale cinese “Lunga marcia 5B” previsto per questa notte. Al momento, le tre traiettorie che potrebbero interessare alcuni settori di nove regioni centro-meridionali italiane si collocano tra l’una di notte e le 7,30 del mattino.

Secondo la Aerospace Corporation, un centro di ricerca statunitense, il razzo vuoto “si trova ora in un’orbita ellittica attorno alla Terra” verso cui si sta dirigendo in un “rientro incontrollato“.

Secondo la Protezione civile, tra le possibili traiettorie stimate dei frammenti del razzo, 3 sono quelle che potrebbero interessare l’Italia e riguardano le 9 regioni di Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Oltre all’Italia centro-meridionale, i resti del razzo potrebbero cadere in Africa, in Asia meridionale, nell’oceano Pacifico, in Australia, in parte del Nord America, in America centrale e in parte del Sud America.

“Resta remota”, spiega il Dipartimento, la probabilità che uno o più frammenti possano cadere sul nostro territorio. Tuttavia il tavolo tecnico continuerà a seguire l’evolversi della situazione attraverso i dati disponibili fino all’avvenuto impatto al suolo.

Il governo cinese afferma che le probabilità che i detriti del razzo causino danni è “estremamente bassa”. Secondo un portavoce del ministero degli Esteri, la maggior parte delle componenti del razzo saranno distrutte durante il rientro nell’atmosfera.

Si tratta del secondo razzo Long March 5B a essere stato inviato nello spazio dalla Cina, dopo il lancio inaugurale a maggio dello scorso anno. Allora i detriti del razzo avevano colpito diversi edifici in Costa d’Avorio, senza causare feriti.

Leggi anche: Spazio, una parte del razzo cinese Long March 5B sta rientrando in modo incontrollato sulla Terra: si teme pioggia di detriti /Spazio, il rover Perseverance è atterrato su Marte: le prime storiche immagini

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale
Cronaca / Nuovi casi sotto quota mille in Italia: non succedeva da settembre. 36 i morti
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale
Cronaca / Nuovi casi sotto quota mille in Italia: non succedeva da settembre. 36 i morti
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Cronaca / Gimbe: “Fino a quando Aifa non modifica i bugiardini, il mix di vaccini non è approvato”
Cronaca / 54enne muore per trombosi a 12 giorni dalla vaccinazione: aperta indagine per omicidio colposo
Cronaca / Milano, caso di variante “delta” in palestra: il contagiato aveva già completato il ciclo vaccinale
Cronaca / L’aggressione alla madre, un Tso e le segnalazioni dei vicini: chi era il killer di Ardea
Cronaca / Ardea, il killer "aveva già sparato altre volte". Ma nessuno aveva denunciato