Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Padre rapisce per la seconda volta sua figlia a Milano: la bambina era rientrata da poco dalla Siria

Immagine di copertina

Padre rapisce per la seconda volta sua figlia a Milano: la bambina era rientrata da poco dalla Siria

È il 2016 quando Maher Balle, siriano di 42 anni, rapisce per la prima volta sua figlia, che all’epoca ha nove anni, e la porta in Siria, dove rimane per quasi tre anni. La bambina, tornata da poco a Milano grazie a una delicata operazione di polizia, ieri è stata nuovamente rapita. Il padre l’ha prelevata da scuola all’insaputa della madre, Mariana Veintimilla, 53 anni, ecuadoriana, che si è separata da lui.

L’undicenne era stata affidata alla mamma, ma ieri intorno alle 13 Balle è andato nella scuola media frequentata dalla figlia in zona Porta Romana, a Milano, e l’ha prelevata senza che il personale dell’istituto – forse non informato – sollevasse obiezioni, come racconta il Corriere della Sera.

Una testimone ha riferito di aver visto l’uomo con due valigie, e il suo cellulare risulta spento. La madre, accompagnata dall’avvocato Angelo Musicco, ha denunciato il rapimento al pm Cristian Barilli, titolare del fascicolo.

Ora l’uomo è ricercato e il rapimento ha fatto scattare le ricerche anche negli aeroporti italiani.

Nel 2016 Balle aveva rapito la figlia con la scusa di condurla in un parco divertimenti.  Poi per almeno due volte aveva poi promesso di rientrare nel nostro paese con la piccola, senza però mai farlo, almeno fino al 29 novembre scorso, quando Mariana Veintimilla aveva potuto riabbracciare la figlia.

L’uomo era partito da Damasco e passando da Beirut e Francoforte, era arrivato a Malpensa. Per tutto il viaggio era stato seguito dagli uomini dello Scip della Polizia e della squadra mobile di Milano che da tempo stavano lavorando per riportare a casa la bambina.

A carico dell’uomo era in corso in quel momento un processo per sottrazione internazionale di minore. Poi, come stabilito dal giudice, era stato attivato un programma per la messa alla prova. Ma il nuovo rapimento ora complica ulteriormente la situazione.

Siria, raid aerei russi e governativi a Idlib: 70mila sfollati in fuga

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Brusaferro (Iss) chiede prudenza: "Rt verso stabilizzazione"
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari