Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Padova, valuta il compito “1” e lo posta su Facebook: professoressa nella bufera

Immagine di copertina

Una professoressa di un istituto di Padova ha pubblicato su Facebook il tema di un suo studente corredato di voto: 1. Una valutazione dovuta al fatto che, oltre ad essere presenti diversi gravi errori grammaticali, lo studente avrebbe copiato il compito da un sito web. Motivazioni che però nel post non erano state aggiunte.

Il post è velocemente diventato virale e ha attratto moltissimi critiche da parte di genitori e colleghi, tanto da lasciare incredula la docente. Le opinioni nei commenti sono quasi tutte di genitori che, avendo i figli a scuola, si interrogano sulle conseguenze che questo gesto potrebbe avere su uno studente. Le critiche non le vengono risparmiate. Lei si è difesa affermando che “non stiamo parlando di un ragazzino, ma di un adulto che non sa prendersi le sue responsabilità”. Si tratterebbe di uno studente, si presume ripetente, che non ha dimostrato molta voglia di studiare. Non c’è nessun particolare che collega lo studente allo scritto.

La professoressa, contattata telefonicamente, ha spiegato: “Chi immaginava che si sarebbe scatenato tutto questo putiferio. Era un post con un messaggio che doveva essere a fin di bene, invece è successo tutto questo”, spiega al telefono. Evidentemente turbata anche per il tenore dei commenti, da un lato ammette l’errore ma dall’altro è anche colpita dal fatto che troppe persone con cui lei non ha mai avuto a che fare hanno ricevuto gli screenshot della sua pagina e della discussione che ne è scaturita. “Evidentemente tutti amici non devono essere”. L’intento insomma non era certo di denigrare il ragazzo, ma quello di dare un segnale. “Tengo tanto al mio lavoro, ci tengo ai miei studenti – ci spiega la professoressa con tono che appare molto sincero – e volevo solo far capire che nella vita ci sono responsabilità da prendersi e la soluzione non può essere una facile scorciatoia”.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada
Cronaca / Lo sfogo di un’impiegata di Elisabetta Franchi: “Vi racconto come tratta le donne”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada
Cronaca / Lo sfogo di un’impiegata di Elisabetta Franchi: “Vi racconto come tratta le donne”
Cronaca / Guida contromano sulla Firenze-Pisa-Livorno, scontro nella notte: un morto e 4 feriti
Cronaca / Covid, oggi 36.042 casi e 91 morti: tasso di positività al 13.7%
Cronaca / Molestie al raduno di Rimini, il sindaco di Trieste difende gli alpini: “La violenza è un’altra cosa, siamo maschi”
Cronaca / ”Salvatemi vi prego”: turista violentata a Roma, i carabinieri sentono le urla e arrestano l’aggressore
Cronaca / Altro che malattia rara, 4 milioni di donne in Italia soffrono di vulvodinia
Cronaca / Roma, guida una Maserati sulla Scalinata di Trinità dei Monti: fermato un 37enne saudita | VIDEO
Cronaca / Violenze e separazioni: nel 96% dei casi il giudice non tiene conto delle accuse delle donne