Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Tonnellate di fiori buttate via. Il dramma dei floricoltori di Pescia e quei mazzi regalati ai cittadini

Fiori. Fasci di fiori profumati ovunque. Davanti ai supermercati, alle farmacie, perfino sulle tombe del cimitero. A Pescia, in provincia di Pistoia, appaiono gerbere, lilium, camelie dove non te le aspetti, perfino sui marciapiedi, in vasi spettacolari. E’ un’iniziativa meravigliosa dei produttori locali (Pescia è uno dei più importanti poli della floricoltura in Italia), che nasconde però una situazione drammatica: il mercato dei fiori è in ginocchio e i produttori, visto che quasi tutto il frutto del loro lavoro verrà gettato via, hanno deciso di abbellire la città, facendo anche un’opera buona: chi prende quei fasci per portarli a casa può lasciare una donazione destinata all’Ospedale di Pescia. “Stiamo vivendo una situazione drammatica. I fiori piacciono a tutti, ma a quello che c’è dietro il mondo dei fiori non ci pensa mai nessuno” mi dice l’amministratore del Mefit, il mercato toscano dei fiori, Antonio Grassotti.

pescia

pescia

pescia

“Quella di distribuire fiori in città è un’iniziativa lodevole dei produttori locali. Del resto questi fiori avevano un solo destino alternativo: essere eliminati”. Quanti fiori, al momento, seguono quest’ultimo destino? “Circa l’80 % dei fiori viene eliminato, dai frigoriferi i fiori vengono messi nei container, pesati e smaltiti”. Era il periodo dell’anno peggiore in cui potesse capitare questa crisi? “Sì, perché qui a Pescia c’è una floricoltura che fiorisce dal metà febbraio fino a maggio/giugno. Diciamo che se il mercato dei fiori è un bersaglio, come tempismo questa epidemia ha colpito il centro”. Si continua a vendere qualcosa o davvero è tutto fermo? “Io ho dovuto chiudere tutto, del resto hanno chiuso tutti i grandi mercati. Si vende ancora qualcosa ma i trasposti sono complicati, serve non mollare del tutto quasi più per un fatto simbolico. L’altro giorno un commerciante ha usato un esempio calzante: quando i tubi ghiacciano d’inverno si lascia un po’ aperto perché quel rivolo d’acqua che scende impedisca ai tubi di gelare. Ecco, quei pochi fiori che riusciamo ancora a vendere sono quel rivolo d’acqua. Servono a tenere viva la strada”.

pescia

pescia

Qual è la situazione dei produttori? “Drammatica. Non esistono più comunioni, cresime, matrimoni e neppure funerali, perché si celebrano senza parenti, senza fiori. Ogni settore ha le sue difficoltà, certo, ma i fiori recisi li devi eliminare e basta. E il guaio è che molti produttori probabilmente non riapriranno, sono persone avanti con l’età, faticano ad arrivare le piantine nuove, è difficile anche programmare la nuova produzione, il futuro”. Lei come se lo immagina il futuro? “Vede, quello dei fiori è un mondo che ha risentito tanto della globalizzazione. Spesso non è riuscito più ad essere competitivo con il mercato dei fiori che arrivano dal Sud America o dall’Africa. Chissà che dopo tutto questo non nascano opportunità positive per le realtà locali. L’Olanda, per dire, ha approfittato della nostra situazione, quando ci sono stati dei problemi alla frontiera ha rimandato indietro le nostre piante da vivaio e altro perché venivano dall’Italia. La cosa drammatica oggi è che perfino una guerra sai che una mattina ti scegli e può essere finita improvvisamente con una pace, qui no. Non sappiamo quando tutto questo finirà”.

pescia

Il governo vi sta aiutando in qualche modo? “L’Italia è il paese dei campanili, qui ognuno dice “io ho i fiori più belli” o il campanile più alto. In questa situazione drammatica siamo riusciti a unire in una petizione per la prima volta il mercato dei fiori da Vittoria in Sicilia a Sanremo perché il presidente del consiglio, il ministro dell’economia e dell’agricoltura pensino anche a noi. I fiori ci accompagnano tutta la vita, da quando nasciamo-perché si regalano alle mamme che partoriscono- a quando salutiamo chi abbiamo amato, perché accompagnano l’ultimo saluto. Sono un bene effimero, è vero, ma il mondo che c’è dietro ai fiori è enorme e in terribile difficoltà. Non va abbandonato. Questo è un paese in cui si parla tanto di cibo, troppo poco di fiori. Facciamolo di più, quando questo dramma sarà passato”.

Leggi anche: 1. Muore a 36 anni per Coronavirus, l’infermiere in lacrime: “Insieme per un mese, sarai sempre con me” (di Selvaggia Lucarelli) / 2. “Sciacalli”: la lettera del direttore della clinica di Piacenza ai dipendenti che hanno parlato con la stampa (di Selvaggia Lucarelli)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Cronaca / Vola in Moldavia per la fecondazione assistita: 30enne di Chivasso muore dopo l’intervento
Cronaca / Cinema, stadi e teatri all’80% e deroghe al metro di distanza: le ipotesi del Governo per il nuovo decreto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Cronaca / Vola in Moldavia per la fecondazione assistita: 30enne di Chivasso muore dopo l’intervento
Cronaca / Cinema, stadi e teatri all’80% e deroghe al metro di distanza: le ipotesi del Governo per il nuovo decreto
Cronaca / Parte la marcia per Patrick Zaki: “Draghi si muova e gli conferisca la cittadinanza italiana”
Cronaca / Maratona di Roma 2021: le strade chiuse e deviate per l’evento
Cronaca / Milano, il candidato del centrodestra Bernardo si sfoga con gli alleati: “Finanziate la campagna o mi ritiro”
Cronaca / Gkn, oltre 20.000 persone partecipano alla manifestazione contro i licenziamenti a Firenze
Cronaca / Ennesima tragedia sul lavoro in Toscana: operaio muore schiacciato da un rullo
Cronaca / 4.578 nuovi casi e 51 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Omicidio Willy, la vita dei fratelli Bianchi in carcere: “Un chiodo nel dentifricio, sputi nel piatto e minacce”