Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Muore a 36 anni per Coronavirus, l’infermiere in lacrime: “Insieme per un mese, sarai sempre con me”

Di Selvaggia Lucarelli
Pubblicato il 9 Apr. 2020 alle 15:01
0
Immagine di copertina
Emiliano Perani è una delle vittime di Coronavirus più giovani

Emiliano Perani muore a 36 anni per Coronavirus, l’addio commosso dell’infermiere

Emiliano Perani aveva solo 36 anni ed era bergamasco, di Casnigo. È morto nel reparto di terapia intensiva del San Gerardo di Monza, dopo una battaglia contro il Coronavirus durata circa quattro settimane. Era giovane – uno dei più giovani deceduti in Lombardia – e non aveva alcuna patologia pregressa.

Era un fotografo, amava viaggiare e raccontare le sue esperienze in giro per il mondo, aveva pubblicato un libro fotografico dei suoi viaggi. Lascia i genitori Lucia e Adriano, la sorella Stefania e una nipotina. Il paese in cui viveva, Casnigo, si trova nella Val Seriana, paese in cui per il Coronavirus era deceduto anche il parroco, l’amato Don Giuseppe.

Sulla pagina Facebook di Emiliano, tra i commenti addolorati degli amici, è comparso quello di Francesco, un infermiere del San Gerardo, che ha scritto: “Ciao Emi, io e te non ci siamo mai conosciuti. Anzi, io ho conosciuto te. Ti conosco da 4 settimane e sono stato con te ogni giorno per 12 ore. Ogni mattina mi avvicinavo e oltre a darti il buongiorno ti ripetevo sempre la solita frase: ‘Forza Emi, reagisci, non vorrai mica darla vinta a lui!’. Tu non rispondevi ma capivo che stavi lottando con tutto te stesso e l’hai fatto fino alla fine…. oggi quando ti ho salutato con le lacrime che scendevano attraverso la mascherina ho pensato che se ne vanno sempre i migliori e tu eri uno di questi. Fai buon viaggio Emi, ti porterò per sempre dentro di me”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, cos’è successo a febbraio in quella clinica di Piacenza? La vera storia di un boom di contagi / 2. Lazio, 129 contagiati al Nomentana Hospital di Fonte Nuova: “Hanno spostato qui il focolaio di Nerola”

3. Morti sospette al Trivulzio, l’arcivescovo Paglia a TPI: “Abolire le case di riposo, combattere l’epidemia della solitudine” / 4. Coronavirus, la Rsa di Cremona che conta zero contagi: “Gli altri sconsigliavano le mascherine, da noi obbligatorie fin da subito”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.