Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Paracadutista 31enne trovato morto a Piombino: ipotesi incidente di “base jumping”

Immagine di copertina

Livorno, parà trovato morto a Piombino

Il corpo senza vita del paracadutista Emanuele Vetere, 31 anni, di Vizzolo Predabissi (Milano), è stato ritrovato nella notte dai suoi colleghi del nono Reggimento d’assalto ‘Col Moschin’ sotto un traliccio a Piombino. L’ipotesi è che si sia trattato di un incidente di “base jumping”, sport estremo di cui il parà era appassionato e che praticava come hobby fuori servizio. Gli investigatori stanno indagando sulla dinamica della morte del 31enne per capire se si sia trattato di una caduta accidentale o un malfunzionamento del paracadute.

I magistrati e carabinieri stanno interrogando alcuni testimoni tra cui il militare, anche lui del nono battaglione di assalto della Brigata Folgore di Livorno, che ha trovato il corpo del collega e ha lanciato l’allarme. Quest’ultimo, insieme ad altri commilitoni, stava aspettando Emanuele Vetere a cena a Livorno, ma non vedendolo arrivare si è diretto verso Piombino per cercarlo. I compagni hanno ritrovato il luogo esatto dell’incidente grazie all’account Instagram di Vetere dove postava foto e video del base jumping. Il corpo del parà era sotto un traliccio dell’alta tensione alto 70 metri all’esterno dell’area recintata della ex centrale elettrica nella zona Perelli.

Il nono Reggimento d’assalto paracadutisti ‘Col Moschin’, al quale apparteneva il paracadutista morto, è il reparto di incursori (Tier 1) dell’Esercito Italiano, il più “anziano” tra i reparti di forze speciali dell’Italia. Il reparto è stato protagonista di numerose operazioni speciali ed antiterroristiche in tutto il mondo ed è l’unico ad aver partecipato a tutte le missioni militari all’estero dell’Esercito Italiano dal dopoguerra ad oggi.

I candidati al reparto vengono scelti attraverso un iter selettivo della durata di 21 giorni, presso il centro di addestramento BAI (Base Addestramento Incursori) di Pisa; successivamente vengono formati attraverso un lungo e durissimo ciclo di addestramento della durata di circa due anni.

Leggi anche: Caltanissetta, star del paracadutismo si schianta con la tuta alare: commemorava un amico morto allo stesso modo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova
Cronaca / Giulia Talia, la prima aspirante Miss Italia dichiaratamente lesbica: “Spero di essere d’aiuto ad altri”