Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Padre e figlio muoiono di Covid a distanza di 10 giorni, l’ultimo post sui social: “Vaccinatevi, io non l’ho fatto”

Immagine di copertina

Padre e figlio muoiono di Covid in pochi giorni: l’ultimo post sui social

Padre e figlio muoiono di Covid a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro: sui social, poco prima di morire, il giovane aveva esortato le persone a non fare come lui e a vaccinarsi contro il virus.

Protagonisti della triste vicenda sono Piero e Luca Amaducci, originari di Vicchio, ma residenti nella zona del Mugello, in Toscana.

I due erano molto conosciuti perché gestivano l’edicola Maghy a Borgo San Lorenzo, precisamente in Corso Matteotti. Il primo a contrarre il virus è stato il padre, il 72enne Piero.

Le sue condizioni sono apparse sin da subito gravissime con l’uomo che è stato ricoverato in ospedale ed è deceduto il 13 agosto scorso.

Neanche due settimane dopo è venuto a mancare anche il figlio Luca, 47 anni, che sui social aveva raccontato la sua battaglia contro il Covid.

Nell’ultimo post, datato 9 agosto, l’uomo, che lascia un figlio, scriveva: “Nono giorno di variante Covid, sto come uno zombie. Febbre che oscilla dai 38 ai 40, allucinazioni, mal di testa, mal di gola, tosse, testa e collo fradici, movimenti di un bradipo. Mi chiamano tutti i giorni per monitorarmi, quattro visite, polmoni perfetti, cuore perfetto. cinque giorni fa la mia dottoressa, negata e la dottoressa dell’USCA mi dicono che per il giorno dopo mi davano una terapia, chi l’ha vista? Una dottoressa è venuta di sua volontà a visitarmi e mi ha dato una terapia, punture sulla pancia che ho rifiutato, odio gli aghi e delle pasticche di cortisone. Ragazza bravissima”.

“Comunque mio figlio ora sta benissimo, potrei anche crepare basta che stia bene lui. Mia madre positiva, mio padre sono 16 giorni che è all’ospedale, stabile, ma in condizioni pessime con l’ossigeno. La mia ragazza positiva anche lei sta benone. Insomma Vaccinatevi, io non ci sono riuscito per problemi personali. Logicamente mi sembra giusto avere dei dubbi, parlatene con il vostro dottore per avere più info. Ma alla fine il Vaccino e fondamentale”.

padre figlio covid
TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Cronaca / Salerno, bambino di 15 mesi muore azzannato da due pittbull
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato