Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“La pietà di Oscar”, il murale di Tv boy dedicato alla nave Ong Open Arms a Barcellona

Immagine di copertina

L'artista di strada dedica la sua ultima opera al fondatore della Ong spagnola

Il murale di Tvboy dedicato alla Open Arms

Tvboy colpisce ancora: l’artista di strada dedica il suo ultimo murale alla Ong Open Arms e al suo fondatore, Oscar Camps, che è sbarcato insieme agli 83 migranti a bordo della nave martedì 20 agosto dopo diciannove giorni di attesa davanti al porto di Lampedusa.

Open Arms attracca a Lampedusa: migranti e volontari esultano e cantano “Bella ciao” | VIDEO

Lo street artist noto per rappresentare le vicende di attualità legate ai diritti umani e alle questioni sociali sui muri dell’Italia e dell’Europa, ha disegnato il direttore della Ong su un piccolo muro della Platja de Sant Sebastià, la spiaggia di Barcellona adiacente alla celebre barceloneta, e l’ha intitolato “The pity of Oscar“, la pietà di Oscar.

“Agisci ora o scusati dopo…The Pity of Oscar”, scrive Tv boy nella descrizione dell’opera, di cui condivide un’immagine su Instagram.

E il murale appare proprio su quel tratto di spiaggia che si chiama in catalano “Passeig del Mare Nostrum”, “passaggio del Mare Nostrum”, ovvero il mar Mediterraneo, quello in cui i migranti della Open Arms sono stati salvati dalla nave Ong il 1 agosto 2019 prima di attendere che fosse concesso loro un porto sicuro per quasi 20 giorni.

Né l’Italia né Malta, a cui il capitano dell’imbarcazione umanitaria aveva domandato di sbarcare, hanno concesso l’autorizzazione ad entrare nel porto, nemmeno quando il Tar del Lazio ha sospeso il divieto di entrare nelle acque territoriali italiane imposto dal Viminale.

Tar del Lazio sospende divieto di ingresso: Open Arms verso Lampedusa. Salvini: “C’è disegno per tornare ad aprire i porti”

La nave si è ritrovata così ad attendere più del previsto, e a rifiutare l’offerta della Spagna di approdare al porto di Algeciras a causa delle gravi condizioni psicologiche in cui vertevano i migranti rimasti a bordo, che non potevano sopportare altri giorni di navigazione.

Più volte, negli ultimi giorni di attesa e incertezza, i migranti salvati davanti alla Libia hanno cercato di raggiungere la terra a nuoto, gettandosi dalla nave e poi recuperati dall’equipaggio.

Open Arms, un migrante si getta in mare e viene recuperato dalla Guardia Costiera | VIDEO

Sempre nei 19 giorni di attesa diversi personaggi noti si sono espressi in favore dello sbarco della nave Ong, tra questi l’attore di Hollywood Richard Gere, che ha raggiunto lo staff di Open Arms per circa due giorni con la volontà di dare supporto logistico e di prestare il suo volto alla causa.

Anche diversi personaggi famosi del mondo dello spettacolo italiano, da Luciana Littizetto a Fabio Fazio, hanno lanciato appelli alle autorità italiane per far sbarcare i naufraghi, di cui solo una piccola parte era stata fatta scendere nelle settimane di stallo per via del grave stato di salute.

Alla fine, è stato il pm di Agrigento a “sbloccare” la situazione, disponendo il sequestro della nave e lo sbarco dei migranti lo scorso 20 agosto.

Open Arms, la Procura ordina il sequestro della nave e lo sbarco dei migranti a bordo

Adesso le persone approdate saranno ridistribuite tra cinque Paesi europei, Germania, Francia, Spagna, Lussemburgo e Portogallo, mentre la nave di Oscar Camps è sotto sequestro.

E così, lo street artist intitola a lui l’ultima opera, dopo che il 6 agosto scorso aveva dedicato il suo murale a un’altra Ong umanitaria, la Sea Watch, e alla sua capitana Carola Rackete.

Anche in quel caso, come per Oscar Camps, che appare nel disegno con un’aureola mentre porta in braccio un migrante, Tvboy aveva santificato la capitana, intitolando il murale “Santa Carola Rackete”.

L’opera però è stata imbrattata poche ore dopo dal leader leghista della città di Taormina, dove si trovava il murale insieme ad altri due disegni, dedicati al cantante Mahmood e allo scrittore Andrea Camilleri.

Santa Carola Rackete protettrice dei rifugiati: il murale sull’accoglienza a Taormina
Bacio tra Kate Middleton e Meghan Markle: il murale per i diritti Lgbt a Milano
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Cronaca / Bambina di cinque anni ascolta la voce di Gigi D’Alessio e si risveglia dal coma
Cronaca / Saldi estivi 2022: il calendario regione per regione. Date, inizio
Cronaca / Salva moglie e figli in mare ma ha un infarto: muore papà eroe
Cronaca / Venezia, si entra su prenotazione: da agosto la sperimentazione. Nel 2023 arriva il ticket