Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

OneFlag, il contest gratuito per la creazione di una bandiera che rappresenti l’umanità sulla Terra

Di Redazione TPI
Pubblicato il 17 Apr. 2020 alle 21:13 Aggiornato il 17 Apr. 2020 alle 21:13
68

OneFlag, il contest gratuito per la creazione di una bandiera che rappresenti l’umanità sulla Terra

Ognuno di noi: continenti, paesi, città e quartieri, è rifugiato sotto il tetto della ‘propria’ bandiera. Ma quanto ci rappresentano i vessilli che abbiamo conosciuto come nostri? Mai come in questo momento storico abbiamo la possibilità di comunicarcelo, perché tutti abbiamo bisogno di sentirci parte della stessa realtà! L’emergenza climatica di cui iniziamo a preoccuparci con grave ritardo, l’inaspettata pandemia di Coronavirus, insomma i pericoli che viviamo ce lo testimoniano: se riguarda tutti deve essere affrontato insieme, non perché è buona pratica, ma per sopravvivere! Da questa consapevolezza nasce OneFlag.

OneFlag è un progetto non profit che prende le mosse da un’idea elaborata da un gruppo di persone con base in Italia, ma con sviluppi su tutto il pianeta. OneFlag infatti è un contest internazionale completamente gratuito lanciato ai creativi del mondo con il fine di condividere idee e progetti per la creazione di una bandiera che rappresenti l’umanità sulla Terra, qualcosa di diverso e intrecciato con l’immagine del pianeta come ecosistema, che in quanto viventi ci include.

oneflag

Per concretizzare il nesso che il progetto ha con il futuro del nostro pianeta, per le prime 500 bandiere caricate sul sito si pianteranno altrettanti alberi. Per questa iniziativa OneFlag è partner con One Tree Planted, organizzazione che dal 2014 ha già piantato più di 5 milioni di alberi nel mondo.
Artisti, intellettuali, semplici cittadini, molti si sono interrogati sull’essenza della bandiera, su quanto delicato e a volte persino pericoloso possa dimostrarsi il senso racchiuso in questo simbolo semplice, ma incredibilmente significante nella storia dell’uomo. Interrogarsi su un nuovo e totalizzante concetto di bandiera riprende quindi un dialogo mai concluso. Esistono ad oggi esperimenti di bandiere della Terra, tuttavia questi modelli nascono come esperimenti privati, sottoposti da singoli all’approvazione di organi pubblici.

Quello che OneFlag si prefigge invece, è la creazione e valutazione collettiva di idee provenienti dagli abitanti del pianeta; un contest che incoraggi attraverso la propria piattaforma la creazione di un’insegna comune che ci rappresenti e sotto la quale, personalmente, riconoscerci.

OneFlag, come funziona

OneFlag nasce sul web e si articola in tre fasi.

1) Dal 22 Aprile 2020, giornata mondialmente riconosciuta come Earth Day, ognuno può caricare sul sito http://www.oneflag.world un progetto di bandiera (che potrà, volendo, sostituire in futuro) e una breve descrizione. In questa fase chiunque potrà votare tutte le bandiere che vuole.
2) Dal 1 Gennaio 2021 non sarà più possibile caricare nuove proposte (o modificare quella già caricata). Chiunque potrà continuare a votare tutte le bandiere che vuole.
3) Dal 1 febbraio 2021 fino alla mezzanotte del 21 Aprile 2021, ultimo giorno del contest, si potranno votare solamente le 100 bandiere che hanno ricevuto più voti nelle fasi precedenti. Il 22 Aprile 2021 verrà comunicata la bandiera vincitrice. In quest’anno di tempo OneFlag punta a mettere in campo iniziative di promozione e condivisione social-artistiche!

SPECIFICHE TECNICHE
IMMAGINI: Png o Jpg 1500x1000px, peso massimo 2mb
TESTO: massimo 600 battute
N.B. Ogni proposta, come ogni bandiera che si rispetti, una volta pubblicata sarà svincolata da diritti di copyright, diventando di pubblico dominio.

Leggi anche: 1. ESCLUSIVO TPI – Parla la gola profonda dell’ospedale di Alzano: “Ordini dall’alto per rimanere aperti coi pazienti Covid stipati nei corridoi” 2.“Chiudere solo Codogno non è stato sufficiente, eravamo tutti concentrati su quello, ma i buoi erano già scappati dal recinto”: parla Rezza (ISS) 3. Lazio, 129 contagiati al Nomentana Hospital di Fonte Nuova: “Hanno spostato qui il focolaio di Nerola” 4. Calderoli a TPI: “La mancata zona rossa ad Alzano e Nembro ha determinato il disastro di così tante vittime in Italia”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

68
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.