Me

Esclusivo TPI: Organizzano manifestazione No vax e pochi giorni prima scappano con i soldi dei donatori

Di Charlotte Matteini
Pubblicato il 8 Mag. 2019 alle 10:24 Aggiornato il 8 Mag. 2019 alle 10:25
Immagine di copertina

ESCLUSIVO The Post Internazionale | Mercoledì 8 maggio sono in programma a Roma ben due manifestazioni nazionali per la libertà di scelta vaccinale indette da vari gruppi e comitati no vax: una si terrà in Piazza Santi Apostoli e l’altra davanti a Montecitorio. A pochi giorni dall’evento, infatti, qualcosa sembra essersi rotto tra gli organizzatori dell’iniziale unica manifestazione nazionale – quella di Santi Apostoli – e sembra essere scoppiata una vera e propria faida che ha portato non solo a una netta spaccatura all’interno del mondo dei cosiddetti free vax, ma anche alla sparizione delle somme donate dai genitori per finanziare la manifestazione dell’8 maggio.

Proviamo a mettere in fila i tanti e variegati dettagli di questa assurda vicenda. Tutto inizia lo scorso 2 maggio quando, a soli sei giorni dalla manifestazione nazionale, attraverso la radio online “Radio informazione libera” G.S e A.C, ideatori e promotori della manifestazione nazionale nonché unici referenti per la raccolta dei fondi necessari a coprire le spese per l’evento, hanno lanciato delle accuse.

Nel corso della trasmissione, i conduttori hanno iniziato ad attaccare una serie di associazioni no vax, in particolare il Corvelva, colpevoli, secondo loro, di aver in più occasioni minacciato G.S.

Non solo, i due hanno anche iniziato a chiedere conto delle migliaia di euro che sarebbero stati spesi da Corvelva per effettuare una serie di analisi su alcuni vaccini per determinarne la presunta pericolosità, intimando la pubblicazione di tutte le fatture e del relativo nome del laboratorio in cui le analisi, finanziate attraverso le donazioni di alcuni genitori no vax, sono state eseguite.

Da quel momento, la faida tra i vari comitati ed esponenti del mondo no vax aderenti alla manifestazione dell’8 maggio è scoppiata una infuocata polemica, culminata con una grave accusa mossa da A.T., altro noto esponente del movimento cosiddetto free-vax: i fondi raccolti nel corso delle settimane da G.S. e A.C. sarebbero spariti nel nulla e i due attivisti si sarebbero perfino cancellati dai social dopo aver annunciato di aver passato le redini dell’organizzazione a F.T.

“Oggi pomeriggio ho parlato con A.C. (presente al telefono anche G.) e… abbiamo ragionato! Anche loro sono giunti alla consapevolezza che le amarezze personali, i conflitti, le arrabbiature (a prescindere dai torti e dalle ragioni) non possono e non devono sovrapporsi e interferire con un evento di interesse collettivo”, si legge in un post di F.T. “Quindi A.C. e G.S. mi hanno proposto d’incontrarci lunedì mattina a Roma per il passaggio delle consegne e di questo li ringrazio. Aggiungo peraltro che in Questura il mio nome è ancora registrato come co-promotore della manifestazione”, prosegue F.T.

A quanto pare, però, i due organizzatori – a pochissimi giorni dalla manifestazione – sembrano non aver affatto pagato, come invece dichiarato in più occasioni, le somme dovute a titolo di acconto per il noleggio di impianti e del palco da utilizzare durante l’evento dell’8 maggio in Santi Apostoli e a F.T. non avrebbero affatto consegnato la “cassa” come invece promesso qualche giorno prima.

“La manifestazione si farà. Chi ha donato ai precedenti organizzatori sappia che ad ora non era stato pagato nulla per nulla e che al momento si stanno raccogliendo internamente i soldi necessari a salvare il salvabile. Chi ha intascato il malloppo si faccia un bell’esame di coscienza”, ha denunciato via Facebook A.T, spiegando in vari commenti che G.S. e A.C. non avrebbero anticipato alcuna somma al service che avrebbe dovuto noleggiare le attrezzature per l’8 maggio e che i due fidanzati sarebbero scomparsi nel nulla cancellandosi da Facebook.

Tutti i fondi raccolti, infatti, sono stati convogliati sin dall’inizio sulla Poste Pay privata di G.S. a cui solo lei stessa aveva accesso. Molti attivisti no vax sospettano che G.S., giovane immunodepressa e fervente sostenitrice di teorie negazioniste su Hiv e Aids da qualche tempo fidanzata con A.C., sarebbe stata strumentalizzata e soggiogata proprio dal compagno e non sarebbe l’ideatrice della truffa dei fondi.

“Ho avvertito pubblicamente G.S. in passato che la raccolta fondi non doveva essere fatta sulla sua Poste Pay privata. Gli ho detto di usare altri metodi, come Collettiamo. Non mi ha ascoltata. Si è infilata in un casino e purtroppo continua a infilarsi. Sarebbe meglio che mantenesse un basso profilo e non rispondesse più a nessuno. Parere mio? Si è fatta strumentalizzare e sfruttare senza nemmeno rendersene conto. Sarà duro io risveglio. Prevedo maretta”, sostiene, ad esempio, Luciana.

G.S., prima di cancellarsi da Facebook, ha provato a dare delle spiegazioni, dichiarando che non avrebbe ancora in mano le varie fatture relative alle spese perché sarebbero state emesse il giorno della manifestazioni direttamente dal service, comprensive degli acconti già erogati per bloccare l’affitto delle varie attrezzature e di avere dei problemi a rendicontare puntualmente tutte le spese sostenute dall’organizzazione perché molti scontrini e prove di pagamento sarebbero andate perse.

Dal canto suo, invece, A.T. ha pubblicamente sostenuto che nulla sarebbe stato affittato e tanto meno sarebbero state versate le relative caparre e acconti da G.S., nonostante fosse l’unica persona ad avere accesso alla cassa dei fondi e nonostante avesse più volte dichiarato di aver proceduto a eseguire tutte le operazioni del caso.

Per lunedì 6 maggio era previsto l’appuntamento tra G.S e A.C con il nuovo organizzatore per sistemare alcune pratiche burocratiche relative alla concessione dei permessi per la manifestazione e per eseguire il passaggio dei fondi raccolti dalla coppia di fidanzati.

Dopo ore di attesa, però, sia F.T. che la stessa G.S. hanno confermato che le donazioni devolute dai genitori no vax per la manifestazione dell’8 maggio non sarebbero state consegnate al nuovo organizzatore ma sarebbero state utilizzate da G.S. e A.C. per pagare delle approfondite analisi sul vaccino Mprv (Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella, ndr) per provarne la presunta pericolosità.

La notizia ha scatenato un putiferio e decine e decine di attivisti e genitori no vax hanno iniziato a inveire contro i due ex promotori della manifestazione chiedendo l’integrale restituzione degli importi donati per ben altra causa.

“Cara signora G.S., lei non ha nessun diritto di spendere soldi donati dalle persone per una causa diversa da quella proclamata al momento della raccolta. Per quanto riguarda le analisi del vaccino, il dubbio sulla veridicità o meno di quelle di Corvelva è suo e non di tutti noi genitori, per questo credo che se proprio vuole rifarli dovrebbe rifarli a sue spese e non con soldi donati dai genitori”, protesta “Lettera di Mamme” su Facebook.

Al momento non si sa con certezza quanti soldi abbiano ricevuto i due ex organizzatori della manifestazione dell’8 maggio, quel che però sembra ormai certo è che quei soldi non verranno utilizzati per finanziare l’evento come inizialmente promesso. G.S. ha dichiarato che ai genitori che ne avrebbero fatto richiesta sarebbero stati restituiti gli importi versati sulla Poste Pay, ma al momento nessuno di loro sembra essere riuscito a mettersi in contatto con gli ex promotori.

Leggi anche: Compie 18 anni e dichiara “guerra” alla mamma no-vax

Leggi anche: I no vax interrompono lo spettacolo di Beppe Grillo: “Buffone, ci hai tradito”