“Siamo le sardine nere”: a Napoli va in scena la protesta dei migranti contro il mancato rilascio dei permessi di soggiorno

Circa 200 persone sono scese in piazza per protestare contro il mancato rilascio dei permessi di soggiorno

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 7 Dic. 2019 alle 16:42
786
Immagine di copertina

La protesta dei migranti, a Napoli debuttano le “sardine nere”

A Napoli, in occasione di una protesta dei migranti contro il mancato rilascio dei permessi di soggiorno, debuttano le “sardine nere”.

La manifestazione, organizzata dal Movimento Migranti e Rifugiati Napoli e l’Ex-Opg Je sò Pazzo, ha visto circa 200 migranti sfilare nel pomeriggio di sabato 7 dicembre per le vie del centro di Napoli.

Ma chi sono le “sardine nere”?

“Sono tutte quelle sardine che non sono potute scendere nelle piazze italiane di queste ultime settimane, perché considerate diverse dalle altre Sardine” come si legge su un lungo post pubblicato sul profilo Facebook dell’ex l’Ex-Opg Je sò Pazzo.

“Le “sardine nere” sono quelle sardine che hanno attraversato il deserto, sono fuggite ai campi libici e adesso nuotano nel Mare della Burocrazia e del Razzismo Istituzionale” si legge ancora nel post.

“Le “sardine nere” aspettano di avviare da mesi la procedura per il riconoscimento della protezione internazionale, aspettano il loro permesso ancora bloccato negli Uffici Immigrazione”.

“Da quando è entrato in vigore il Decreto Sicurezza di Matteo Salvini non riescono a convertire la protezione umanitaria in permesso di soggiorno per lavoro. Così facendo sono condannate a nuotare silenziosamente dentro a un mare di odio, invisibilità, razzismo e sfruttamento”.

napoli protesta migranti sardine nere

“Cambiano i governi e ministri dell’Interno, ma non cambiano le politiche contro i migranti, i rifugiati e le fasce più deboli della popolazione” affermano gli organizzatori del corteo, che, dopo aver attraversato il centro storico di Napoli, si è diretto in via Medina, davanti alla Questura, dove è stato attuato un breve presidio.

Dopo un incontro con rappresentati delle forze di polizia, la manifestazione è ripartita diretta in piazza Municipio, dove è stato attuato un nuovo presidio.

“Avere il permesso di soggiorno – spiegano gli organizzatori – significa poter accedere al sistema sanitario, all’istruzione, al riconoscimento dei figli; avere il permesso di soggiorno significa poter contrattare un giusto salario sul posto di lavoro e una possibilità in più per ribellarsi allo sfruttamento, significa potersi spostare liberamente sul territorio, significa avere l’opportunità di condurre una vita dignitosa e non essere condannati a vivere come fantasmi nei ghetti delle nostre città”.

“Dire che siamo le “sardine nere” è una provocazione –  spiegano sempre gli organizzatori – perché questi temi e drammi che oggi portiamo in corteo non hanno trovato spazio nelle piazze delle sardine”.

Leggi anche:

“Io sono Mattia: eravamo 6mila e ora siamo 200mila. Noi Sardine da tutt’Italia salveremo i giovani e sconfiggeremo l’odio di Salvini”

Salvini risponde a Mattia Santori su TPI: “Non sa cos’è la democrazia, chiudere mia pagina FB è come togliere voto agli italiani”

“Il nostro sogno è portare un milione di persone a piazza San Giovanni”: le sardine di Roma a TPI

Il messaggio delle sardine ai lettori di TPI: “Riappropriamoci delle piazze e chiediamo a gran voce una politica che parta da noi”

Francesca Pascale in un’intervista: “Guardo con interesse alle sardine, potrei scendere in piazza con loro”

786
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.