Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Anche Napoli si inginocchia per George Floyd: il murale di Jorit

Immagine di copertina
L'opera di Jorit dedicata a George Floyd a Napoli (Credit: Twitter)

Anche Napoli si inginocchia per George Floyd: il murale di Jorit

Un’opera monumentale quella che l’artista italo olandese Jorit ha dipinto su un tetto di Barra, quartiere dell’area orientale di Napoli, come omaggio a George Floyd, il 46enne afroamericano ucciso da Derek Chauvin lo scorso 25 maggio a Minneapolis, Stati Uniti. Due metri per cinque di murales, dove il volto di Floyd, al centro, è affiancato da quelli di Lenin, Martin Luther King, Malcom X e Angela Davis. “È ora di cambiare il mondo” scrive sotto l’artista.

“Il video della morte di Floyd mi ha sconvolto – racconta a Repubblica l’artista. – Spero che l’incredibile movimento nato dopo questa uccisione diventi una concreta politica di cambiamento, che la reazione del mondo possa essere d’impulso per concepire la realtà in modo diverso – dice Jorit – Le persone e gli artisti si sono schierati. Bisogna contrastare la ghettizzazione ed emarginazione per combattere il razzismo”. “La morte di Floyd – continua Jorit –  ha mostrato ancora una volta il malessere sociale, la violazione dei diritti e l’assenza di opportunità che vivono intere comunità negli Stati Uniti. Il razzismo è spesso una sovrastruttura che cresce sull’ingiustizia sociale e sulla debole condizione dell’individuo”.

Le opere di Jorit sono sempre legate a lotte sociali e temi dalla forte connotazione politica e non è la prima volta che le con sue opere l’artista sostiene la causa dell’antirazzismo. Sempre a Napoli, ricordiamo il murales dedicato a King e quello dedicato a Davis, a Scampia. Il razzismo “ha radici profonde negli Usa – conclude Jorit. – In Italia dobbiamo stare in guardia e contrastare lo sfruttamento. Basta guardarsi intorno: ogni giorno decine di ragazzi di colore aspettano di essere sfruttati per pochi euro alle rotonde di Quarto e Pianura. È inaccettabile, lo Stato dovrebbe intervenire”.

Leggi anche: 1. Arrestati altri tre poliziotti coinvolti nella morte di George Floyd/2.Proteste in Usa, ultime notizie. Il Pentagono contro Trump per la scelta di impiegare l’esercito. Arrestati altri tre poliziotti per la morte di Floyd/3.“Papà ha cambiato il mondo”: il video che commuove della figlia di George Floyd

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, i residenti a TPI: “Un forte boato, poi una puzza insopportabile”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo