Covid ultime 24h
casi +12.415
deceduti +377
tamponi +211.078
terapie intensive -17

Napoli, madre positiva al Covid partorisce in casa e la bimba prematura muore: polemica sui soccorsi

Di Anna Ditta
Pubblicato il 1 Dic. 2020 alle 14:10
58
Immagine di copertina
Foto Pixabay

“La mia bambina ha respirato per 25 minuti. Poteva essere salvata ma l’ambulanza è arrivata in ritardo”. Mario Conson, pizzaiolo del centro storico di Napoli, ne è sicuro: qualcosa nei soccorsi non ha funzionato. Sua figlia, nata prematura in casa dalla moglie positiva al Covid-19, ha vissuto meno di un’ora. L’uomo ieri mattina ha denunciato quanto accaduto al commissariato di polizia Arenella e la Procura di Napoli ha aperto un’inchiesta, al momento contro ignoti, per vederci chiaro.

A partorire in casa, al sesto mese di gravidanza, è stata Maria Pappagallo. “Mia moglie era positiva al Covid, aveva avuto dei dolori già la notte. Alle 6 ho chiamato il ginecologo che ha capito che la situazione era già drammatica e ci ha spiegato al telefono come fare per far partorire la bambina in casa”, ha raccontato Conson. Poi la chiamata al 118 alle 6.44: “Ho spiegato che mia moglie era positiva al Covid e aveva avuto un parto in casa prematuro. Ma non arrivavano. Sono sceso in strada con lo scooter provando ad intercettare l’ambulanza, mia figlia respirava”, aggiunge l’uomo. Conson dice che l’ambulanza è arrivata dopo mezz’ora, “ma il personale non aveva neanche le forbici per tagliare il cordone e non aveva l’incubatrice”.

Diversa la versione del 118: “Mezz’ora di attesa per un papà sconvolto per la perdita di un bambino sembra un’attesa infinita – dice il responsabile del servizio Giuseppe Galano – ma bisogna pensare che 7 minuti si perdono solo per far vestire il personale che deve soccorrere un malato di Covid. Ho parlato con chi è intervenuto e mi ha fornito una versione diversa. La piccola è nata di sei mesi e in un appartamento, e questo è già un fattore di rischio poi c’è il Covid, che è una malattia di cui non sappiamo quanto possa influire su questo tipo di situazioni. L’ambulanza aveva tutto il necessario per soccorrere la donna”.

“La mia bambina ha respirato per 25 minuti. Sono certo che poteva essere salvata ma l’ambulanza è arrivata in ritardo è questo ne ha certamente determinato la morte”, sostiene Conson. “Il personale sanitario non aveva gli strumenti per salvarla. Ho passato io al medico del 118 le forbici per tagliare il cordone ombelicale. L’ambulanza non aveva l’incubatrice e mia moglie è rimasta con la bimba morta in braccio per 30 minuti, in ambulanza. Questo è disumano”. La Procura ha sequestrato la cartella clinica della donna e sentito la versione del padre. Nei prossimi giorni è prevista l’autopsia sul corpo della neonata.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: Poste Italiane, 9 dipendenti positivi a Sesto Fiorentino. “Niente tamponi, costretti a lavorare con la febbre” /2. Le imprese fermarono la zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro: anche il New York Times da ragione all’inchiesta di TPI /3. L’Ema lancia l’allarme sull’idrossiclorochina: “Può indurre al suicidio”

4. Brusaferro (Iss): “Epidemia Covid durerà ancora un anno e mezzo” /5. Locatelli: “Si vede la luce, a fine estate saremo fuori da questo incubo. Con 6-7mila casi al giorno si potranno allentare le restrizioni”/6. Ricciardi: “Ci vorranno anni per tornare alla normalità. Noi scienziati possiamo dirlo, i politici no”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

58
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.