Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Monfalcone, la denuncia del flautista dell’orchestra: “Espulso perché critico la Giunta leghista sul web”

Immagine di copertina
Foto di repertorio (Credits: Pixabay)

Monfalcone, il flautista dell’orchestra: “Espulso perché critico la Giunta”

Si è aperto un vero e proprio caso all’interno dell’orchestra filarmonica di Monfalcone, comune del Friuli-Venezia Giulia: lo storico flautista, Marco De Stabile, ha denunciato di essere stato espulso dalla formazione a causa della sua pubblica contrarietà alla giunta comunale guidata dal sindaco leghista Anna Maria Cisint. Mentre l’amministrazione si trincera dietro un “no comment”, il flautista attacca soprattutto l’assessore alla Cultura Luca Fasan e promette di ricorrere per vie legali.

Secondo De Stabile, la decisione del comune deriva dal suo forte attivismo politico sui social network. Da anni, infatti, il flautista amministra un gruppo su Facebook in cui si critica molto fortemente la giunta Cisint. “Ma questo – ha spiegato l’uomo in un’intervista a Il Piccolo – non ha nulla a che vedere con la mia passione per la musica. Ho avuto l’onore di figurare spesso, negli anni, tra le fila di questa orchestra”. Adesso, però, è diverso. Perché De Stabile non sarà presente alla prossima esibizione del quintetto, prevista per domenica prossima in piazzetta Unità d’Italia, a partire dalle 21. “I responsabili dell’orchestra – afferma De Stabile – mi hanno contattato spiegandomi che l’assessore Fasan aveva sollevato delle perplessità sulla mia presenza, viste le mie critiche sui social verso la giunta”, che dà il suo sostegno alla formazione con una sede e dei contributi. De Stabile sarebbe finito sulla graticola anche per alcune sue considerazioni sui commercianti locali, durante la Fase 2 della lotta al Coronavirus.

“Questi fatti – continua il flautista – costituiscono un precedente preoccupante, nonché un chiaro indicatore di una subdola e odiosa prassi, non del tutto sconosciuta ad altre associazioni nel monfalconese, secondo la quale chi non è in sintonia con la giunta non ha cittadinanza culturale sul territorio. Da qui, la mia decisione di procedere per vie legali”. Anche la presidente dell’orchestra filarmonica di Monfalcone, Elisa Pacorig, conferma che Fasan ha posto il problema delle critiche di De Stabile ai commercianti: “E’ una questione di opportunità – ha spiegato a Il Piccolo – anche perché in quel caso non è stata criticata una giunta, ma un’intera categoria. Ho quindi preso le decisioni in autonomia, per il bene dell’associazione”.

Il quotidiano di Trieste, inoltre, riporta un precedente che riguarda la gestione dei rapporti tra le associazioni locali e la Giunta comunale. A gennaio scorso, infatti, il Comune – all’atto della firma di accettazione del contributo comunale per il 2019 – chiese al presidente della banda civica Città di Monfalcone di firmare un documento che chiedeva all’associazione, tra le altre cose, di astenersi dal criticare l’operato del Comune. Altrimenti, sarebbe stato possibile revocare il contributo. Chiamata a chiarire la sua posizione sul caso, la sindaca Cisint aveva parlato di “una situazione in cui il Comune eroga fondi per l’acquisto di divise e strumenti a una realtà che rappresenta l’amministrazione. In questo caso, come per tutti i dipendenti, vale il Codice di comportamento”. Ma il presidente della banda, Adriano Persi, aveva precisato che si tratta di “una associazione di promozione sociale, autonoma e non dipendente dal Comune”.

Leggi anche:

1. Il liceale di Monfalcone che ha creato una formula matematica in grado di superare Archimede / 2. Al direttore d’orchestra cadono i pantaloni: il colpo di scena / 3. Daniele Gatti, direttore dell’Orchestra di Amsterdam, è stato accusato di molestie sessuali e licenziato / 4. Un occidentale dirige per la prima volta l’orchestra sinfonica iraniana dalla Rivoluzione del 1979

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”
Cronaca / DIG Festival 2021: il giornalismo investigativo a Modena dal 30 settembre al 3 ottobre
Cronaca / Milano, 30enne scomparso da 5 giorni: sparito dopo il furto del suo zaino
Cronaca / 3.970 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Saman Abbas, arrestato a Parigi lo zio Danish Hasnain: “È la mente di questo progetto criminoso pazzesco”
Cronaca / Vaccino, Sileri: “Prima o poi la terza dose dovremo farla tutti”
Cronaca / Papa Francesco: “La violenza sulle donne è una piaga aperta, dappertutto”
Cronaca / Regeni, il procuratore Pignatone: “Giulio torturato per una settimana. Collaborazione con Egitto altalenante”