Covid ultime 24h
casi +12.415
deceduti +377
tamponi +211.078
terapie intensive -17

Maxi-rissa al Pincio, l’annuncio su Telegram: “Ci rivediamo sabato prossimo: compro la lama”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 9 Dic. 2020 alle 11:54
188
Immagine di copertina

La rissa che si è svolta sabato 5 dicembre sulla terrazza del Pincio a Roma tra decine di ragazzi potrebbe ripetersi. “Confermata al 100% la rissa il prossimo sabato”. È uno dei messaggi scritti poco prima delle 23.30 di ieri sera da un ragazzino nella chat Telegram aperta ad hoc dopo la maxi-scazzottata del 5 dicembre scorso, quando centinaia di adolescenti si erano dati appuntamento sulla terrazza di Villa Borghese per assistere alla discussione tra due 14enni. Ma se sabato scorso le “armi” sono stati pugni e calci, adesso si parla di pistole e “lame”, cioè di coltelli. Lo si legge, ancora, in un messaggio nella chat di Telegram. “Compro ‘a lama mejo pe’ accortellà a S.”. Tradotto: “Compro un coltello migliore per accoltellare S.”.

Lo scorso sabato centinaia di ragazzi si erano dati appuntamento alla terrazza del Pincio, uno dei luoghi più belli e centrali della Capitale. Quasi tutti senza mascherina. Le immagini che in poco tempo sono diventate virali sui social mostrano lo scoppio della rissa. Inizialmente la lite avrebbe riguardato poche persone, per poi allargarsi, tanto da richiedere l’intervento di decine di poliziotti in tenuta anti-sommossa e carabinieri. Un maxi-assembramento, in barba alle regole anti-Covid. Nel video si vedono centinaia di ragazzi ammassati, molti senza mascherina o indossata sotto il mento. Ignoti al momento i motivi che avrebbero scatenato la rissa e le persone coinvolte.

Leggi anche: Riccione, folli assembramenti per l’accensione delle luminarie di Natale in viale Ceccarini | VIDEO

188
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.