Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Mario ha dato una lezione a tutti, era sereno e convinto. Alla fine abbiamo pianto”: parla l’anestesista Mario Riccio

Immagine di copertina
credit: ALC

“Eravamo tutti molto tesi, cercavamo di non mostrare la nostra commozione, io ho cercato di mantenere una certa freddezza dato che dovevo svolgere una funzione tecnica, dovevo essere molto preciso e attento a quello che facevamo, la persona più tranquilla che ci ha trasmesso serenità è stata proprio Mario, con convinzione e calma che ci ha tranquillizzati tutti”.

A parlare è Mario Riccio, 63enne anestesista e dirigente dell’Associazione Luca Coscioni che ieri ha supervisionato l’autosomministrazione del farmaco letale per Federico Carboni, sinora noto come “Mario”, il 44enne marchigiano (di Senigallia), ex camionista, tetraplegico da 11 anni in seguito a un incidente stradale che è ricorso al suicidio medicalmente assistito.

“In quelle ore Mario è stato un riferimento, eravamo tutti un po’ emozionati. Abbiamo tutti pianto alla fine, chi più visibilmente chi meno. Ci ha un po’ redarguiti dicendo ‘mi raccomando quando parlerete di me fatelo sempre con un sorriso, non lasciate un ricordo triste della giornata’. È stata una grande lezione di vita. Il nostro è un Paese molto strano, abbiamo un ragazzo che ha dato una lezione a tutti noi, anche a figure autorevoli, da chi si opponeva e si oppone a una legge che regolamenti la morte legalmente assistita. Federico (vero nome di Mario ndr.) mi è sembrata una persona molto forte”.

 

Era consapevole dell’importanza di quello che stava facendo?
Fortemente consapevole, lo esprimeva con una semplicità maggiore di persone più titolate.

Ci spiega come funziona il farmaco e la procedura?
In maniera semplicissima. Esattamente come succede con l’anestesia generale, si mette una flebo, ma non c’era qualcuno che iniettava il farmaco, sarebbe stato un omicidio consenziente, doveva essere lui ad autoiniettarsi il farmaco.

Come ha fatto?
Ha premuto su un pulsante della pompa infusionale, un’apparecchiatura dove passa il circuito della flebo che ha una specie di porta, si imposta la velocità di infusione e per far passare il farmaco si deve schiacciare un bottone: cosa che ha dovuto fare lui. Da lì, essendo il dosaggio massimale, si è addormentato in pochi secondi e nel giro di un minuto e mezzo c’è stato l’arresto respiratorio. Alle 10.55 ha schiacciato il pulsante, alle 11.05 io ne ho certificato il decesso.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Marmolada, il video del crollo del grande blocco di ghiaccio
Cronaca / Tragedia Marmolada, Messner: “Seracchi si staccano per caldo globale”
Cronaca / Dieci gradi in più sulla Marmolada, crolla ampio blocco di ghiaccio: almeno 6 morti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Marmolada, il video del crollo del grande blocco di ghiaccio
Cronaca / Tragedia Marmolada, Messner: “Seracchi si staccano per caldo globale”
Cronaca / Dieci gradi in più sulla Marmolada, crolla ampio blocco di ghiaccio: almeno 6 morti
Cronaca / Trapani, muore cadendo in un pozzo alla festa del suo 40esimo compleanno
Cronaca / Napoli, gli danno fuoco mentre è in videochiamata con la fidanzata: grave 36enne
Cronaca / Meteo, quando arriva la tregua al caldo? Martedì i primi temporali: ecco dove
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar