Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Prenderesti mai del veleno? La pillola abortiva mette a rischio la madre e uccide il figlio”: il manifesto shock di Pro vita a Milano

Immagine di copertina

“Prenderesti mai del veleno?”: il manifesto shock di Pro-vita a Milano

“Prenderesti mai del veleno?”: è il testo di un manifesto shock di Pro-vita apparso a Milano, nei pressi di Corso Italia. Il cartellone mostra una donna, una sorta di novella Biancaneve, stesa a terra e con gli occhi chiusi come se fosse morta, con in mano una mela morsicata. “Prenderesti mai del veleno? Stop alla pillola abortiva RU486, mette a rischio la salute e la vita della donna e uccide il figlio nel grembo” recita il testo del manifesto in cui appare anche l’hashtag “dalla parte delle donne” e la firma dell’associazione antiabortista ProVita&Famiglia.

manifesto pro vita milano

“Non ci sono parole per descrivere questo vergognoso manifesto pubblicitario affisso a Milano in via Vigoni angolo via Mercalli – si legge sul profilo Facebook della Casa delle Donne di Milano – Si tratta di una indegna menzogna e di una grave violazione del corpo e della dignità delle donne. L’ennesima violenza che non siamo disposte a tollerare! Chiederemo chi ha autorizzato questa affissione e siamo pronte a un’azione significativa che faccia sentire la nostra voce contro questo abuso”. Molte donne hanno chiesto la rimozione del manifesto, affisso però in uno spazio privato e non comunale. Diana De Marchi, presidente della commissione pari opportunità del Comune, ha infatti sottolineato che “il comune può intervenire solo sui nostri spazi” aggiungendo: “Ci siamo attivati per rimuoverlo perché è inaccettabile: la libertà delle donne va rispettata sempre”.

Leggi anche: 1. “Quale dei due è stato concepito per stupro?”: bufera su Pro Vita per il post sull’aborto / 2. Bambini dentro barattoli: la campagna shock di Pro Vita a Roma (rivolta a Salvini)Salvini: “L’utero in affitto è la cosa più squallida da ipotizzare” / 3. Aborto, soldi pubblici della regione Piemonte ai movimenti Pro-Life: la delibera shock dell’assessore di Fratelli d’Italia

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Cronaca / Bambino morto all’asilo, la proprietaria dell’auto: “Sono sicura di aver inserito la marcia, il freno a mano non ricordo”
Cronaca / Identificato allo Spallanzani di Roma il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie
Cronaca / I buchi nelle indagini sulla strage di Capaci: quelle tracce mai seguite
Cronaca / Rimorchiatore affonda al largo di Bari, 5 morti: “Capitano trovato vivo su una zattera”
Cronaca / Il pm Tescaroli a TPI: “Sulla strage di Capaci presunti interessi esterni a Cosa nostra”
Cronaca / Falcone e quelle indagini naufragate su Mattarella e Gladio
Cronaca / ESCLUSIVO TPI: Falcone spiato da apparati dello Stato durante l’interrogatorio (finora ignoto) a Licio Gelli