Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Non chiamateci no vax”: un giorno a Roma insieme ai manifestanti contro il Green Pass

“Non siamo no vax”: a Roma la manifestazione contro il Green Pass

“Non siamo no vax, ma…”: parafrasando la classica frase con la quale solitamente si nega di essere razzisti ma non troppo, si potrebbe riassumere con queste poche parole la manifestazione che si è tenuta oggi, martedì 27 luglio 2021, in piazza del Popolo, a Roma, che vedeva commercianti, ristoratori e semplici cittadini protestare contro l’obbligo del Green Pass voluto dal governo e che entrerà in vigore a partire dal 6 agosto.

Organizzata da Io Apro, l’associazione di ristoratori e commercianti nata lo scorso inverno per chiedere al governo la riapertura di tutte le attività all’epoca chiuse a causa delle restrizioni anti-Covid, la manifestazione, alla quale hanno partecipato un migliaio di persone, ha visto scendere in piazza un mondo piuttosto variegato: dagli estremisti di Forza Nuova alla galassia no vax sino a qualche volto noto come, ad esempio, l’attore Enrico Montesano.

manifestazione no vax roma
Credit: Niccolò Di Francesco

“Non siamo no vax, ma siamo disposti a chiudere subito le nostre attività pur di non obbligare i clienti a mostrarci il Green Pass” dichiara dal palchetto improvvisato a Piazza del Popolo uno dei fondatori dell’associazione di ristoratori.

manifestazione no vax roma
Credit: Niccolò Di Francesco

Eppure la sensazione è che in piazza vi siano soprattutto persone che più che essere contrari al Green Pass per una questione di privacy o di difficile attuazione per le proprie attività, rifiutino proprio l’idea di vaccinarsi contro il Covid.

E se i fondatori di Io Apro effettivamente si scagliano più che altro contro il governo e la decisione dell’obbligo della certificazione verde, di altro tenore sono gli interventi degli altri partecipanti al sit-in.

“Siamo quel popolo che ha deciso di ribellarsi al pensiero unico. Questo popolo è pronto ad aiutare ogni singolo italiano che per gridare no al Green Pass perderà il proprio posto di lavoro. Salvini, Meloni letta sono tutti figli della stessa tirannia sanitaria. Questa piazza non si vende, fuori la politica, si alla resistenza” grida Giuliano Castellino, leader di Forza Nuova, tra gli applausi dei presenti.

Credit: Niccolò Di Francesco

Ed è proprio il concetto di “dittatura sanitaria” che fa leva sulla rabbia della piazza, dalla quale si levano insulti per il premier Draghi, ma anche per Matteo Salvini e Giorgia Meloni, e per il virologo Roberto Burioni che, appena qualche giorno fa, aveva definito i no vax dei “sorci“, salvo poi chiedere scusa.

manifestazione no vax roma
Credit: Niccolò Di Francesco

Insomma più che il Green Pass (che, ricordiamolo, si può ottenere anche con un tampone negativo effettuato 48 ore prima di prendere parte a un evento) il vero obiettivo della piazza sembra essere il vaccino anti-Covid trasformando la manifestazione di Roma in una vera e propria protesta no vax.

“Libertà, libertà” gridano i manifestanti, che parlano di cure a domicilio ormai efficaci, di vaccini pericolosi per la salute utilizzando slogan ormai già noti e soprattutto accostando, ancora una volta, le discriminazioni subite dagli ebrei durante il nazismo con l’obbligatorietà del Green Pass.

Credit: Niccolò Di Francesco

L’unico momento di tensione registrato durante tutta la giornata è quando i manifestanti, da piazza del Popolo, hanno provato a spostarsi, probabilmente con l’obiettivo di raggiungere Montecitorio dove inizialmente si sarebbe dovuta svolgere la protesta, poi vietata dalla Questura, ma sono stati bloccati dalla polizia.

Alcuni hanno provato ad aggirare i poliziotti, salendo per il Pincio e provando poi a ridiscendere per Trinità dei Monti, altri hanno tentato l’accesso da via Ripetta con il risultato che i manifestanti si sono dispersi e la protesta si è conclusa.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, shock a San Basilio: violentata da fidanzato e cognato mentre la suocera le impedisce di fuggire
Cronaca / Roma, stupro alla Garbatella: si segue la pista del maniaco seriale
Cronaca / Studenti sotto assedio nelle università di Tehran, la lettera-appello ai rettori italiani di Pegah Moshir Pour
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, shock a San Basilio: violentata da fidanzato e cognato mentre la suocera le impedisce di fuggire
Cronaca / Roma, stupro alla Garbatella: si segue la pista del maniaco seriale
Cronaca / Studenti sotto assedio nelle università di Tehran, la lettera-appello ai rettori italiani di Pegah Moshir Pour
Cronaca / “Attacchi d’ira contro i domestici che non obbedivano”: le accuse dell’ex fidanzata di Gianluca Vacchi
Cronaca / Scopre di essere incinta e di avere un tumore lo stesso giorno: il dramma di Elisabetta, morta a 36 anni
Cronaca / Ragazza italiana arrestata in Iran. L’allarme del padre sui social
Cronaca / Spara e uccide l’amico durante una battuta di caccia al cinghiale: indagato 76enne
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Cronaca / Milano, calci e schiaffi a una bimba di 8 mesi: è gravissima. Fermato il compagno della madre