Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lo striscione della curva del Verona che invita Russia e Ucraina a colpire Napoli

Immagine di copertina

Lo striscione della curva del Verona che invita Russia e Ucraina a colpire Napoli

Una serie di numeri preceduti dalle bandiere di Russia e Ucraina e una firma, quella degli ultrà della curva sud del Verona. È lo striscione apparso di fronte allo stadio Bentegodi la notte prima della partita dell’Hellas con il Napoli, in cui i due paesi in guerra vengono invitati a bombardare la città partenopea, indicata solo con le sue coordinate.

“Il raffinato, intelligente e geografico striscione della curva veronese, che dà ai missili russo ucraini la corretta localizzazione dell’obbiettivo. Per chi non lo sapesse, sono le coordinate della mia città”, ha spiegato lo scrittore Maurizio De Giovanni, che ieri ha denunciato lo striscione in un post sui social. “Sempre ammirevolmente pronti a cogliere elementi di stretta attualità per rinnovare la propria profonda idiozia razzista”, ha continuato lo scrittore. “Solo per farci capire, con un plastico esempio, a che punto può arrivare l’imbecillità (sub) umana, e come, in un cervello troppo angusto possano mescolarsi cose molto serie e fesserie”.

Le stesse coordinate sono state riprese dal capitano del Napoli, Kalidou Koulibaly, che dopo la vittoria per 2-1 ha pubblicato su Instagram una storia dedicata al golfo di Napoli, sulle note di Pino Daniele. Più esplicito l’allenatore della squadra seconda in classifica. “Questa gente non deve entrare piu’ negli stadi, deve essere una festa per le famiglie, bisogna farla finita!”, ha detto Luciano Spalletti dopo la partita.

Netta anche la condanna della politica. “Un messaggio ripugnante”, l’ha definito il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “È vergognoso il gesto ed è vergognosa l’intenzione di questi pseudo tifosi”, ha aggiunto il capo della Farnesina, che ha ricordato come la guerra sia reale “non è finzione, non è un gioco”. “Non c’è ironia, ma solo idiozia dietro questo striscione”, ha detto Di Maio, prima di ribadire la necessità di una tregua umanitaria. “Bisogna fermare questa guerra. Non è più rinviabile”, ha detto. Anche il segretario della Lega Matteo Salvini è intervenuto, parlando di striscione “grave e ingiustificabile”. “Sulla guerra non si scherza e la rivalità tra tifoserie deve avere dei limiti”, ha detto Salvini.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”
Cronaca / Giornalisti picchiati alla cena della Roma, la società caccia il bodyguard
Cronaca / Suicidio assistito, l'appello di Fabio Ridolfi: "Lo Stato mi aiuti a morire"
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Cronaca / Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”