Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Kalimchè, la nave dei trafficanti di uomini ora diventa una biblioteca per minori a rischio

Immagine di copertina
La nave Kalimchè era utilizzata per il traffico di essere umani da Bodrum, in Turchia, fino a Bari

Una barca che si porta in giro le storie e le fa navigare è l’antidoto migliore alla superficialità, alla faciloneria e all’elogio dell’ignoranza che qualcuno soffia in questo tempo

Kalimchè è il nome di una barca che il crimine organizzato utilizzava per il traffico di essere umani da Bodrum, in Turchia, fino a Bari. Una barca che si porta dietro l’odore dello sfruttamento, della paura e della speranza pagata a peso d’oro. Quando l’hanno sequestrata il Ministero della Giustizia ha pensato che avrebbe potuto essere invece l’arca per navigare verso il riscatto e per questo ha deciso di concederla per le attività di riabilitazione di giovani a rischio di devianza, quei giovani fragili che hanno bisogno di una mano che si tenda per non affondare.

Per tornare in mare Kalimchè ha subito quasi un anno di interventisti tecnici della darsena Mar di Levante e l’aiuto di otto minori sottoposti a misure penali o in carico ai servizi sociali. È stato uno di quei cantieri in cui si restaura qualcosa per restaurare anche le persone che ci lavorano. Funziona. Da sempre. E così finalmente qualche giorno fa il progetto ideato dall’associazione Marcobaleno ha visto la luce e Kalimchè è tornata in mare, con tanto di champagne e applausi e sorrisi.

“Un porto della speranza”, l’ha chiamata don Luigi Ciotti, presidente di Libera, ed è vero che se un’imbarcazione che era portatrice di crimine e sventura oggi può essere rimessa in mare profumando di futuro allora significa che al di là delle troppe parole e della troppa propaganda questo è un Paese in cui dietro alle quinte si lavora per costruire umanità.

Ma c’è un altro aspetto in tutta questa storia che merita di essere raccontato: Kalimchè, tra le altre cose, diventerà anche una biblioteca galleggiante e ospiterà presentazioni di libri, reading, incontri letterari. Sul suo ponte camminerà la cultura, quella che forgia i ragazzi al di là degli errori che hanno commesso. Una barca che si porta in giro le storie e le fa navigare è l’antidoto migliore alla superficialità, alla faciloneria e all’elogio dell’ignoranza che qualcuno soffia in questo tempo.

Investire nella conoscenza e nella costruzione di legami culturali significa costruire persone che diventino porti: “L’assessorato al Welfare ha investito circa 90mila euro per l’allestimento di questa imbarcazione e di tutti i presidi di lettura popolare, perché riteniamo fondamentale investire nelle relazioni, nella costruzione di legami e nella conoscenza, anche per contrastare fenomeni, sempre più frequenti, connessi alla paura, all’odio e alle discriminazioni”, ha spiegato l’assessore comunale di Bari Francesca Bottalico. Fanno stare bene, storie così.

Don Ciotti: “Una bestemmia chiedere a Dio di benedire i porti chiusi”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”
Cronaca / Covid, 26.561 casi e 89 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'11,4%
Cronaca / La mamma del bimbo morto nell’incidente all’asilo: “Un dolore sovrumano, chiediamo silenzio”
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Cronaca / Ossigenoterapia, desametasone, plasma: cosa funziona e cosa no per il Covid
Cronaca / La vera storia di Feltrinelli