Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Sono un’interprete dal cinese, ma la pandemia ha cambiato la mia vita: ora lavoro come barista”

Immagine di copertina
Foto di pasja1000 da Pixabay

TPI riceve e pubblica la lettera di Cristina Franzoni

Sono interprete, e lavoro come libera professionista da molti anni. Lavoravo. Poi nel giro di pochi mesi tutto è cambiato. In realtà già da gennaio scorso noi interpreti di lingua cinese abbiamo visto saltare come birilli un impegno dopo l’altro ed abbiamo temuto uno stop come ai tempi della Sars, ma è stato molto peggio.

Per chi svolge un lavoro impegnativo ed appassionante è abbastanza naturale avere un’identità fortemente legata alla professione; io, semplicemente, non mi vedevo altro che come interprete. Per vari mesi non sono riuscita a venire a patti con l’idea di non poterlo essere più per molto tempo a venire (la fase di negazione mi ha accompagnato per tutto il lockdown) e passavo le giornate alla ricerca del minimo segno di miglioramento nella marea di dati giornalieri sui contagi.

Drammaticamente, mi sono resa conto dell’amara realtà: niente fiere, niente viaggi, niente incontri con i clienti, quasi niente di niente. Non sono arrivata alla fase di accettazione così facilmente (e chi ci è riuscito?), ma di certo la fase “vedi di darti una mossa sennò con che cosa paghi le bollette” è subentrata giocoforza in breve.

E così, per una serie di (s)fortunati eventi hanno preso vita le esperienze lavorative più disparate: da barista per la stagione estiva, io che non distinguo il rhum dal gin e che ancora non sono riuscita a servire un cappuccino decente (“Hai imparato il cinese, vuoi non imparare come si fa un cappuccino?” No.), e nonostante gli orari assurdi e la fatica sono pure riuscita a divertirmi e ad allacciare delle belle amicizie; a cat sitter ; per arrivare, dopo anni di volontariato con ragazzi problematici, ad assistente nei compiti per studenti delle medie – e nonostante l’esperienza di volontariato e gli anni passati a tradurre per dirigenti d’azienda, viceministri ed ingegneri, ho dovuto constatare quanto possa essere terrorizzante il confronto con undicenni svogliati, attenti, tristi, interessati, musoni, allegri, furbi, distratti, arrabbiati e generosi (spesso nello stesso momento).

Nonostante sia arrivata a quattro impegni contemporanei in una settimana, con i vari lavori a termine, part time e sporadici sono in grado di mantenermi solo a patto di condurre una vita monastica, senza acquisti, cene fuori o viaggi, neanche se tutto questo fosse possibile.

Nessuno avrebbe mai voluto tutto quello che è successo. Avremmo dovuto immaginarlo probabilmente, visto lo scempio che operiamo sul piccolo pianeta su cui ci siamo ritrovati a vivere. Mi auguro che esista una maggioranza silenziosa che ha iniziato a riflettere su nuove modalità di convivenza con tutti gli esseri viventi nel rispetto della natura, e che si riesca sempre più ad utilizzare quanto ci offre la tecnologia per alleviare il nostro impatto sulla natura (che meraviglia poter effettuare i rarissimi interpretariati in simultanea in remoto!); quello che rimbalza sui social network però non è purtroppo né edificante né incoraggiante.

Quanto a me, ho imparato che è bellissimo avere una strada lavorativa ben definita e che sono stata molto fortunata a percorrerla da appena laureata, ma che si può apprezzare ogni tanto, magari divertendosi un pochino ed imparando tanto, anche procedere a zig zag.

Leggi anche: È morto il pianista jazz Adriano Urso: senza lavoro per il Covid, ora faceva il rider

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil