Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Insulti razzisti sul bus Como-Bergamo: “Neri di m***a, bisogna insultarvi”

Immagine di copertina

Insulti razzisti bus Como Bergamo – Un nuovo, ennesimo episodio di razzismo ha avuto luogo in un autobus della linea C46 che collega Como a Bergamo a fine maggio. A denunciare la vicenda a Fanpage una ragazza che ha filmato il tutto.

“Ne..e di merda. Quelle come te bisogna insultarle, forse così capiscono”: questi alcuni degli insulti rivolti dall’autista del mezzo pubblico a una donna di origini africane salita sul mezzo con i suoi tre figli piccoli.

“Io prendo sempre lo stesso pullman tutto l’anno, da scuola a casa e viceversa. Quel giorno è salita una donna con tre bambini, uno di sei anni, uno di tre e uno piccolo che avrà avuto al massimo cinque mesi”, ha raccontato la giovane.

Secondo la testimone, l’autista ha avuto un atteggiamento ostile nei confronti della famiglia fin dall’inizio, ma la situazione è peggiorata quando la donna si è seduta subito dietro di lui.

“Ma che odore, che puzza c’è? Questi bambini non si lavano, non lava i suoi bambini”: queste alcune frasi rivolte dal conducente, che ha poi continuato ad attaccare la donna affermando che “le donne così devono solo essere picchiate, bisogna mostrare violenza nei confronti delle persone di colore”.

Stanca dei commenti dell’autista e dell’indifferenza degli altri passeggeri, la ragazza che ha denunciato il fatto a Fanpage ha deciso di registrare il tutto per avere delle prove dell’episodio di razzismo.

“Quelle come te bisogna insultarle, forse così capiscono”, è un altro degli insulti rivolti dall’autista.

La donna in tutto ciò ha cercato di mantenere il più possibile la calma e di non rispondere agli insulti dell’autista, ma alla fine è scoppiata in lacrime, sotto shock.

“Perché mi insulti? Perché mi insulti? Tu credi che io non capisco l’italiano”, è stato il commento della donna. Il tutto, come detto, nell’indifferenza generale dei passeggeri. L’unica a intervenire, anche cercando di calmare i bambini, è stata la ragazza -minorenne – che ha girato il video.

ASF, in merito a questi fatti, ha rilasciato un comunicato:

“In riferimento ai fatti riportati nell’articolo ASF si scusa per il linguaggio e i toni del tutto inaccettabili utilizzati. Sarà aperta una indagine interna per ricostruire l’accaduto. Quanto successo non è giustificabile in nessun modo né per la nostra azienda né per tutti i nostri autisti e dipendenti che ogni giorno si impegnano per offrire un servizio all’altezza della città di Como e Provincia”

“Cerchiamo solo coinquilini italiani”: nuovo caso di discriminazione

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 58,12% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Consiglio dei ministri convocato oggi alle 11:30
Cronaca / Pescara, 51enne sequestrata e seviziata nello sgabuzzino del palazzo: è caccia all’uomo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 58,12% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Consiglio dei ministri convocato oggi alle 11:30
Cronaca / Pescara, 51enne sequestrata e seviziata nello sgabuzzino del palazzo: è caccia all’uomo
Cronaca / Roma, vicino lo sgombero di Casapound: Raggi annuncia “novità”
Cronaca / Migranti, crisi in Tunisia può aumentare gli sbarchi. Procuratore antimafia segnala “rischio terrorismo”
Cronaca / 15 morti e 5.696 casi nell'ultimo giorno: calano le terapie intensive
Cronaca / Tutte le balle che circolano sui vaccini
Cronaca / Morte Libero De Rienzo, arrestato l’uomo sospettato di aver venduto eroina all’attore
Cronaca / Pfizer, i ricavi del vaccino aumentano a 33,5 miliardi di dollari
Cronaca / “Legati, presi a calci e ricattati”: i verbali shock sul caso dei lavoratori di Grafica Veneta