Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Imprenditore lascia a casa gli operai no vax: “Li pago lo stesso, un focolaio in fabbrica sarebbe peggio”

Immagine di copertina

L’imprenditore Duilio Paolino: “I miei operai no vax restino a casa, li pago lo stesso”

“I miei operai no vax restino a casa, lo stipendio sarà comunque garantito”: lo dichiara l’imprenditore Duilio Paolino, proprietario di un’azienda di macchinari agricoli a Cuneo.

Intervistato da La Repubblica, l’imprenditore spiega perché preferisce lasciare a casa quei dipendenti che non hanno nessuna intenzione di vaccinarsi contro il Covid: “Non andrò in rovina per questo, avere un focolaio in fabbrica sarebbe molto peggio. Spero che arrivino delle regole chiare”.

Secondo il racconto di Paolino nella sua azienda, che conta 64 dipendenti, ci sono stati dei malumori per via di 2 operai che hanno deciso di non vaccinarsi.

Da qui la decisione di lasciarli a casa con lo stipendio comunque garantito. “Quando torneranno dalle ferie spiegherò loro che o si vaccinano, o passano a mansioni lontano dai colleghi o stanno a casa e li pago lo stesso. Non andrò in rovina per questo: molto peggio sarebbe che qualcuno si ammalasse e lasciasse turni scoperti. Altri tre dipendenti che non si possono vaccinare per ragioni di salute non sono a contatto con i colleghi e non ci sono problemi”.

L’imprenditore racconta anche quali sono state le reazioni alla sua provocazione: “Sa cosa mi ha scritto uno? Che ero un nazista perché discrimino le persone. Ma sarebbe discriminatorio anche creare spogliatoi separati per vaccinati e non. Allora ditemi come mi devo comportare”.

Sull’utilizzo del Green Pass, invece, Duilio Paolino dichiara: “Spero in regole chiare. Ma il Green Pass chiaro non lo è, anzi sembra fatto perché qualcuno trovi il modo di aggirarlo. È come con le tasse…”.

A chi gli fa notare che il virus potrebbe circolare anche tra i vaccinati, l’imprenditore risponde: “Sì, ma io voglio fare tutto quello che posso per evitarlo. Non voglio essere denunciato se qualcuno si contagia al lavoro”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi
Cronaca / Ancora un morto sul lavoro: operaio folgorato in un cantiere a Taranto
Cronaca / Maiorca, 4 turisti italiani arrestati per stupro di gruppo