Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Green Pass ai guariti, dal 6 gennaio la riattivazione sarà automatica: come funziona

Immagine di copertina

Green Pass ai guariti, dal 6 gennaio la riattivazione sarà automatica: come funziona

La mancata riattivazione del Green Pass per i guariti dal Covid ha messo molte persone in difficoltà dopo l’uscita dalla quarantena: questa infatti scatta quando il medico comunica alla Asl di appartenenza l’esito del tampone negativo del paziente, ma le file e i ritardi per l’inserimento dei dati nella piattaforma nazionale che registra i dati relativi a vaccini e tamponi hanno lasciato diversi cittadini senza certificato verde perché la guarigione, spesso, non è stata registrata. Il Ministero della Salute è così corso ai ripari: a patire dalle 23 di oggi, 5 gennaio 2022, la riattivazione avverrà in automatico. Per ottenere lo sblocco della carta verde non sarà più necessario il certificato di guarigione, basterà l’esito negativo di un test molecolare o antigenico.

Come riattivare il Green Pass?

Attualmente il Green pass viene bloccato automaticamente al momento della rilevazione della positività, ma per sbloccarlo il medico di base deve inserire nella piattaforma il certificato di guarigione. Dal 6 gennaio subentrerà invece un “doppio automatismo”: se il tampone positivo sospende green pass, il tampone negativo lo riattiverà. I tecnici hanno modificato gli algoritmi in modo che sulla piattaforma nazionale e sulle App venga registrato in tempo reale il cambio di condizione del cittadino, e non ci saranno ritardi nel nuovo rilascio della certificazione verde “rafforzata”, di cui sono provvisti tutti coloro che hanno ricevuto almeno due dosi di vaccino. Intanto viene precisato che “il tampone negativo cartaceo è valido ai fini della certificazione di guarigione”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”