Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Gaia e Camilla investite e uccise a Roma, il pm: “Condannare Pietro Genovese a 5 anni”

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 28 Set. 2020 alle 13:19 Aggiornato il 28 Set. 2020 alle 13:21
46
Immagine di copertina

Gaia e Camilla, il pm: “Condannare Genovese a 5 anni”

Il pm di Roma ha chiesto una condanna 5 anni di carcere per Pietro Genovese, il giovane (figlio del regista) è agli arresti domiciliari ed è accusato di duplice omicidio stradale per avere investito e ucciso, la notte del 22 dicembre del 2019 a Roma, Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. L’incidente avvenne in Corso Francia, non lontano da Ponte Milvio. Il processo con il rito abbreviato davanti al gup Gaspare Sturzo è in corso. La procura ha respinto la proposta di patteggiamento a 2 anni e sei mesi avanzata dalla difesa del giovane ritenendola troppo mite.

Chi erano Gaia e Camilla, le due ragazze investite e uccise a Roma

Si chiamavano Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli, le due ragazze investite e uccise nella notte tra sabato 21 e domenica 22 dicembre a Roma: ecco chi erano le due giovani, che hanno perso la vita nel tragico incidente avvenuto nei pressi di Ponte Milvio. Le due, entrambe 16enni, stavano attraversando Corso Francia quando, per motivi ancora da chiarire, sono state travolte da un’auto guidata da Pietro Genovese, figlio 20enne del regista Paolo, autore di popolari film quali Immaturi e Perfetti Sconosciuti, il quale, successivamente, è risultato positivo ai test di droga e alcol.

L’impatto è stato violentissimo e i mezzi del 118, arrivati in breve tempo sul luogo dell’incidente, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di entrambe. Camilla Romagnoli aveva con sé i documenti, mentre per il riconoscimento di Gaia è stato necessario l’arrivo del papà, un ufficiale dei carabinieri in congedo. Gaia, di origini finlandesi, e Camilla erano compagne di classe. Entrambe, infatti, frequentavano la 3 Cl del Liceo Gaetano De Sanctis, la cui sede si trova in via Serra, nel quartiere Fleming, non molto lontano da dove è avvenuto l’incidente in cui le due ragazze hanno perso la vita.

Le ragazze, infatti, non abitavano distante dal luogo dove sono state investite e uccise. Secondo quanto ricostruito da Il Messaggero, Gaia e Camilla stavano proprio rincasando quando è avvenuta la tragedia. Le due avevano trascorso la serata nei pressi di Ponte Milvio, una delle zone della movida della Capitale, con alcuni amici quando hanno deciso di tornare a casa perché “richiamate” dai genitori. Secondo uno degli amici accorsi sul luogo dell’incidente, infatti, una delle due giovani prima di andare via aveva ricevuto un messaggio sul cellulare dalla mamma, la quale aveva scritto: “Hai visto che ore sono?”.

46
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.