Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Funivia Mottarone, tolto il caso alla gip che ha scarcerato i tre indagati. I pm: “Annullare la sua ordinanza”. L’ira degli avvocati difensori

Immagine di copertina

Il presidente del Tribunale di Verbania, Luigi Maria Montefusco, ha riassegnato il procedimento sulla tragedia del Mottarone al gip Elena Ceriotti, “titolare per tabella del ruolo” che era stato assunto dal presidente dell’ufficio Gip Donatella Banci Buonamici come supplente per la convalida del fermo in quanto la collega era assente. Il provvedimento è stato firmato ora perché il 31 maggio il giudice Ceriotti è rientrata in servizio.

La Procura della Repubblica di Verbania ha chiesto al Tribunale del Riesame di annullare il provvedimento con cui il gip Banci Buonamici lo scorso 29 maggio aveva rigettato la richiesta di misura cautelare per Luigi Nerini, il titolare della “Ferrovia del Mottarone” che gestisce la funivia della strage, e per Enrico Perocchio, l’ingegnere direttore di esercizio. Lo ha confermato il procuratore della Repubblica Olimpia Bossi.

“È un provvedimento anomalo. Non è mai capitato che durante una partita venga cambiato l’arbitro nonostante tutti riconoscano abbia operato bene”, ha commentato l’avvocato Pasquale Pantano, legale di Luigi Nerini, il titolare della Ferrovia del Mottarone e tra gli indagati per l’incidente in cui sono morte 14 persone,  commentato il provvedimento di riassegnazione del procedimento. “Non si è mai visto un provvedimento del genere. È la prima volta che non per un valido impedimento ma per un problema tabellare sia sostituito un giudice di un procedimento in corso”, ha rincarato l’avvocato Marcello Perillo, difensore di Gabriele Tadini, il capo servizio della Funivia del Mottarone e l’unico dei tre fermati ad essere agli arresti domiciliari.

Ora è tutto nelle mani di Elena Ceriotti: sarà lei a decidere sull’incidente probatorio e su eventuali altre questioni. Il provvedimento di esonero, su richiesta del presidente del tribunale di Verbania, viene trasmesso alle parti interessate e “per le valutazioni di competenza al consiglio giudiziario presso la Corte d’appello di Torino”, oltre che al presidente della corte d’appello e al procuratore generale sempre di Torino.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente a Sanremo, 17enne muore schiacciato da camion, grave la sorella 15enne
Cronaca / Molestie in università, alla Sapienza di Roma 13 denunce di studentesse e tirocinanti nel 2023
Cronaca / Nuovo codice della strada, sospensione breve della patente per chi usa il cellulare alla guida
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente a Sanremo, 17enne muore schiacciato da camion, grave la sorella 15enne
Cronaca / Molestie in università, alla Sapienza di Roma 13 denunce di studentesse e tirocinanti nel 2023
Cronaca / Nuovo codice della strada, sospensione breve della patente per chi usa il cellulare alla guida
Cronaca / “Salviamo il nome Eustachio”: a Matera un bonus economico per chi chiama il figlio come il santo patrono
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Vince 64 milioni al Superenalotto, ma i numeri sul giornale sono sbagliati: “Ho rischiato l’infarto”
Cronaca / Incidente sul lavoro: muore un operaio nello stabilimento Stellantis di Pratola Serra
Cronaca / Trento, dirigente sottrae alla scuola più di 200mila euro per viaggi, fiori e borse
Cronaca / Sparo di Capodanno, davanti ai pm Delmastro si corregge: “Ero fuori a fumare”
Cronaca / “Sono stato io a uccidere David Rossi”: la confessione del killer delle escort. Ma per gli inquirenti non ci sono riscontri