Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Fondi Lega, fermato il liquidatore: stava scappando in Brasile. Indagati anche tre commercialisti vicini al Carroccio

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 16 Lug. 2020 alle 14:44 Aggiornato il 16 Lug. 2020 alle 14:57
50k
Immagine di copertina

Fondi Lega: fermato il liquidatore che stava scappando in Brasile

È stato fermato dalla Guardia di Finanza nella mattinata di giovedì 16 luglio Luca Sostegni, liquidatore di una società con un ruolo nella vicenda dei fondi della Lega. Gli inquirenti, che hanno predisposto l’arresto poiché l’uomo stava scappando in Brasile, accusano Sostegni di peculato ed estorsione, reati legati “alla vendita di un capannone industriale ubicato nel comune di Cormano, intervenuta tra l’Immobiliare Andromeda e la fondazione Lombardia Film Commission”. Sostegni era il liquidatore della società Paloschi s.r.l. che avrebbe venduto l’immobile ad Andromeda, che a sua volta l’ha rivenduto alla Lombardia Film Commission. Il prezzo di vendita, però, sarebbe stato gonfiato da 400mila a 800mila euro.

Nell’inchiesta sono indagati per peculato anche i commercialisti vicini alla Lega Antonio Di Rubba (ex presidente della fondazione Lombardia Film Commission) e Andrea Manzoni, entrambi collegati al tesoriere leghista Giulio Centemero, il quale, però, non è tra gli indagati. Indagato anche un altro commercialista, Michele Scillieri, nel cui studio è stato registrato il simbolo La Lega per Salvini premier.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: Ecco che fine hanno fatto i 49 milioni della Lega / 2. Eclusivo TPI: Lo strano caso delle doppie tessere della Lega: così Salvini si è fatto due partiti, uno per il Nord e uno per il Sud Italia / 3. I 49 milioni che la Lega deve restituire allo Stato diventano 18: le rivelazioni dell’ultimo bilancio

50k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.