Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Fabio Fazio si taglia lo stipendio ma non il budget

Immagine di copertina
Fabio Fazio - Che tempo che fa

Il conduttore televisivo Fabio Fazio ha accettato il taglio del suo stipendio Rai, ma non la riduzione del budget del suo programma.

Il compenso di uno dei volti più noti della Rai, pari a due milioni e 240 mila euro l’anno, è stato al centro di numerose polemiche negli ultimi mesi. Secondo il Ministro Matteo Salvini e alcuni amministratori delegati dell’azienda, la cifra da capogiro che riceve il conduttore ogni anno sarebbe un’offesa per molti italiani.

Una delle conseguenze delle polemiche è stato il “trasloco” del suo programma più longevo, “Che Tempo che Fa“, che dovrebbe appunto passare da Rai1 a Rai2.

Ma, nel frattempo, Fazio e i suoi collaboratori hanno espresso alcune perplessità rispetto alla riduzione del budget destinato al programma, probabilmente anticipata durante la riunione che il presentatore ha avuto con i vertici della Rai, circa due settimane fa. È durante questo incontro che il volto Rai avrebbe raggiunto l’intesa relativa al suo compenso.

Fabio Fazio stipendio Rai | Se il conduttore comprende, infatti, che la misura relativa al taglio del suo stipendio è motivata da ragioni prettamente aziendali, non riesce a capire perché le risorse del programma debbano diminuire. Un programma che nella stagione 2018-2019 ha ottenuto uno share che si aggirava intorno al 15 per cento. Durante l’ultima puntata della trasmissione, Fazio ha vinto il prime time con 3 milioni 877 mila spettatori e uno share del 16.32 per cento.

Perché allora ridurre le risorse? Intanto sembra che mentre la trasmissione della domenica passerà al secondo canale, lo spin off del lunedì “Che fuori tempo che fa” resterà a Rai 1.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Le sigarette elettroniche aiutano davvero a smettere di fumare?
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Le sigarette elettroniche aiutano davvero a smettere di fumare?
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata