Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Eutanasia, Marco Cappato e Mila Welby assolti anche in appello per il caso Trentini

Immagine di copertina

Il giudice della Corte d’Assise d’Appello di Genova ha confermato l’assoluzione, decisa in primo grado, per Marco Cappato e Mina Welby, rispettivamente tesoriere e copresidente dell’Associazione Luca Coscioni. I due erano accusati di aiuto al suicidio per l’assistenza offerta al 53enne Davide Trentini, malato di sclerosi multipla dal 1993 e morto in una clinica in Svizzera il 13 aprile 2017. Il procuratore generale di Genova Roberto Aniello aveva chiesto la conferma dell’assoluzione.

Nel 2016 Davide Trentini si era rivolto all’associazione Luca Coscioni per mettere fine alla sua lunga sofferenza. Mina Welby lo aveva accompagnato in Svizzera, aiutandolo in tutte le procedure burocratiche. Marco Cappato, invece, aveva raccolto, attraverso l’associazione Soccorso Civile Sos Eutanasia di cui fanno parte entrambi insieme a Gustavo Fraticelli, i fondi mancanti per pagare la clinica Svizzera.

Entrambi erano imputati per aver aiutato Davide Trentini a raggiungere la Svizzera e ottenere il suicidio assistito, dunque per il reato di cui all’art. 580 del codice penale in concorso fra loro, (istigazione o aiuto al suicidio).

La sentenza di primo grado emanata a luglio 2020 dalla Corte di Assise di Massa, aveva stabilito che il fatto non costituisce reato per l’aiuto al suicidio e non sussiste per l’istigazione al suicidio. Con la decisione si era creato un importantissimo primo precedente di interpretazione alla sentenza della Corte Costituzionale intervenuta a dicembre 2019 sul caso Cappato/Dj Fabo. I giudici d’appello hanno confermato la sentenza di primo grado.

Leggi anche: 1. Eutanasia, è il giorno dell’udienza alla Consulta. Mina Welby e Valeria Imbrogno a TPI: “Al centro la libertà di tutti” / 2. Eutanasia, ogni anno 1.000 malati terminali si suicidano per mancanza di alternative. La testimonianza

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”